No 2

Bagutti, Giovanni Battista

nascita 16.4.1742 Rovio, morte 28.11.1823 Rovio, catt., di Rovio. Figlio di Giovanni e Angela Caterina Vegezzi. ∞ Maddalena Longhi. Frequentò l'Acc. di belle arti a Parma e perfezionò la sua formazione a Roma. Con la tela Deianira figlia di Eneo re di Etolia (1768), dalla quale traspare la piena adesione di B. al nuovo indirizzo neoclassico, vinse il primo premio dell'Acc. parmense. Tornato in patria, entrò in contatto con una committenza prevalentemente religiosa di stampo controriformistico e adeguò la sua pittura all'ambiente culturale periferico, dove la tradizione tardobarocca era ancora ben radicata (chiesa di S. Giovanni a Mendrisio, 1774; parrocchiale di Rancate, 1775). Nelle tele degli ultimi due decenni del XVIII sec. riaffiora invece il linguaggio neoclassico (parrocchiale di Riva San Vitale, 1782; chiesa di S. Sisinio alla Torre a Mendrisio, 1796). Uno dei suoi figli, Abbondio (1788-1850), seguì le orme paterne formandosi all'Acc. di Brera a Milano.


Bibliografia
DBAS, 65

Autrice/Autore: Edoardo Agustoni