No 6

Hug, Fritz

nascita 19.3.1921 Dornach,morte 29.1.1989 Speicherschwendi (com. Speicher), rif., di Basilea e di Zurigo. Figlio di Adolf Melchior e di Eglantine Rochedieu. ∞ 1) Elli Marie Käslin; 2) (1951) Margrit Schürmann, figlia di Hans, redattore. Trascorse l'infanzia a Giava e più tardi a Thalwil. Dopo la scuola di arti applicate a Zurigo (1935-36), iniziò un apprendistato di ritoccatore calcografo; fu però al termine della scuola reclute (1940) che decise di dedicarsi seriamente alla pittura. Nel 1941 espose per la prima volta nella galleria di Léon Bollag a Zurigo. Effettuò viaggi di studio in Francia, Marocco e Italia e nel 1950-51 soggiornò sei mesi presso Albert Schweitzer nell'ospedale di Lambarene in Africa occidentale. Agli inizi degli anni 1950-60 si orientò sempre più verso la pittura di paesaggi e soprattutto di animali, che divennero il suo tema principale. Nella sua opera figurano, oltre alla pittura e alle illustrazioni di libri per l'infanzia e di animali, anche mosaici in pietra naturale e affreschi. Nel 1964 realizzò un dipinto parietale per il padiglione della caccia dell'Expo 64 a Losanna.


Bibliografia
– A. Ziehr, F. Hug und seine Welt der Tiere, 1981
DBAS, 522 sg.

Autrice/Autore: Beatrice Meier / sma