No 2

Fraschina, Giovanni

nascita 7.9.1750 (Giacomo) Bosco Luganese, morte 26.3.1837 Lugano, catt., di Bosco Luganese. Figlio di Giovanni Maria Antonio e di Maria Innocente Folia. Studi˛ presso i somaschi di Lugano, poi filosofia nel convento di Monza e teol. a Milano. Entrato nell'ordine cappuccino con il nome di fra Giovanni dal Bosco, dopo la vestizione (1766) e la professione religiosa (1767) fu lettore per le scuole della provincia cappuccina milanese e in seguito definitore provinciale. Dedicatosi alla predicazione sacra, fu richiesto in numerose cattedrali it. e alla corte di Napoli, finchÚ nel 1793 papa Pio VI lo volle come predicatore apostolico. A Lugano nel 1799 come professore di filosofia nel collegio dei somaschi, nel 1801 fu richiamato a Roma da Pio VII come predicatore e fu designato esaminatore dei vescovi eletti. Eletto generale dei cappuccini, nel 1804 chiese di essere esonerato dalla carica di predicatore apostolico e di potersi ritirare nel convento di Lugano. Promosso ad arcivescovo titolare di Corinto (1804), si ritir˛ a Lugano subito dopo la consacrazione. F. fu di fatto per oltre 30 anni il vescovo del Ticino, in quanto i vescovi di Como e di Milano gli demandarono le facoltÓ per le parti delle loro diocesi nel cant.


Archivi
– Archivio del convento dei cappuccini, Lugano
Bibliografia
– E. Poretti, Mons. G. Fraschina cappuccino arcivescovo titolare di Corinto, 1937
– A. Codaghengo, Storia religiosa del Cantone Ticino, 2, 1942, 146-150

Autrice/Autore: Fabrizio Panzera