No 2

Esseiva, Pierre

nascita 3.4.1823 Friburgo, morte 8.5.1899 Friburgo, catt., di Friburgo, Fiaugères, Maules e Le Crêt. Figlio di Louis, commerciante, deputato, cofondatore della Soc. Piana, e di Marguerite Delpech. Fratello di Ignace ( -> 1). ∞ (1863) Laure Hortense Chiffelle, figlia di Eugène-Charles-Aimé. Dopo gli studi presso il collegio Saint-Michel di Friburgo, dal 1845 insegnò ted. alla scuola media franc. Vicecancelliere dello Stato dal 1846 al 1847, fu sollevato dal suo incarico durante la rivoluzione radicale. Nel 1849 entrò al servizio della Guardia pontificia (capitano uditore, poi gran giudice), rimanendovi fino al 1870. Tornato a Friburgo, fu giudice del tribunale cant. (1870-89) e deputato conservatore nel Gran Consiglio (1888-96). Le sue poesie in lat. su temi religiosi, ma anche sull'emancipazione delle donne e sulle ferrovie, furono premiate a diverse riprese. A causa della sua opera Fribourg, la Suisse et le Sonderbund (1882), dai caratteri più polemici che scientifici, subì numerosi processi intentatigli da radicali e conservatori moderati. Cavaliere dell'ordine di Pio IX.


Bibliografia
Monat-Rosen, 28, 1884, 200-217, 281-294, 361-372, 518-520
NEF, 34, 1900, 108
– F. Brülhart, Etude historique sur la littérature fribourgeoise, 1907, 153-157

Autrice/Autore: Marianne Rolle / gbp