No 3

Torricelli, Giovanni Antonio

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 13.7.1719 Lugano, morte dopo il 1811, catt., di Lugano. Figlio di Giuseppe Maria e di Marta Borella. Formatosi probabilmente nell'ambito della scuola di decorazione bolognese, fu spesso attivo come quadraturista a fianco del fratello Giuseppe Antonio ( -> 4). La sua opera risente della lezione prospettica dei Bibiena e del colorismo leggero e cangiante della quadratura nordalpina, studiata spec. sul cantiere della chiesa abbaziale di Einsiedeln (1748-49). Sul versante sudalpino si distinguono per virtuosismo prospettico e grazia coloristica gli interventi nella chiesa di S. Antonio Abate (1749) e nella cattedrale (1764) di Lugano. Verso il 1790 la sua produzione si allineò all'imperante gusto neoclassico, come testimoniano i suoi lavori piemontesi (palazzo Grosso a Riva presso Chieri, 1786-90; castello di Rivoli presso Torino, 1794).


Bibliografia
DBAS, 1044 sg.
– E. Agustoni, ĞI fratelli Torricelli e Giuseppe Antonio Petriniğ, in AST, 124, 1998, 201-232

Autrice/Autore: Edoardo Agustoni