Reye, Carl Theodor

nascita 20.6.1838 Ritzebüttel bei Cuxhaven (Bassa Sassonia), morte 2.7.1919 Würzburg, evangelico, cittadino ted. Figlio di Georg Wilhelm, commerciante a Ritzebüttel, e di Amalie Augustine Beckmann. ∞ (1869) Marianne Sattler. Studiò ingegneria meccanica, matematica e fisica ad Hannover, Zurigo e Gottinga, dove conseguì il dottorato (1861). Fu libero docente di matematica e fisica al Politecnico fed. di Zurigo (1863-70), professore titolare (1867), professore di geometria descrittiva e di geometria di posizione al Politecnico di Aquisgrana (1870) e professore ordinario all'Univ. di Strasburgo (1872-1909, rettore nel 1886-87). Influenzato da Carl Culmann a Zurigo, si dedicò alla geometria proiettiva che sviluppò attraverso un approccio sintetico, respingendo quello analitico. La nomenclatura da lui creata è ancora ampiamente diffusa, come testimonia fra l'altro il concetto di configurazione di Reye.


Opere
La geometria di posizione, 1884 (ted. 1866-1868, 19236)
Bibliografia
Vierteljahrsschrift der Naturforschenden Gesellschaft in Zürich, 66, 1921, 158-180
Jahresbericht der Deutschen Mathematiker-Vereinigung, 31, 1922, 185-203 (con elenco delle op.)
– H. Gropp, «Die Configurationen von T. Reye in Strassburg nach 1876», in Mathematik im Wandel, a cura di M. Toepell, 2, 2001, 287-301
NDB, 21, 481 sg.

Autrice/Autore: Erwin Neuenschwander / did