Reye, Carl Theodor

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 20.6.1838 Ritzebüttel bei Cuxhaven (Bassa Sassonia), morte 2.7.1919 Würzburg, evangelico, cittadino ted. Figlio di Georg Wilhelm, commerciante a Ritzebüttel, e di Amalie Augustine Beckmann. ∞ (1869) Marianne Sattler. Studiò ingegneria meccanica, matematica e fisica ad Hannover, Zurigo e Gottinga, dove conseguì il dottorato (1861). Fu libero docente di matematica e fisica al Politecnico fed. di Zurigo (1863-70), professore titolare (1867), professore di geometria descrittiva e di geometria di posizione al Politecnico di Aquisgrana (1870) e professore ordinario all'Univ. di Strasburgo (1872-1909, rettore nel 1886-87). Influenzato da Carl Culmann a Zurigo, si dedicò alla geometria proiettiva che sviluppò attraverso un approccio sintetico, respingendo quello analitico. La nomenclatura da lui creata è ancora ampiamente diffusa, come testimonia fra l'altro il concetto di configurazione di Reye.


Opere
La geometria di posizione, 1884 (ted. 1866-1868, 19236)
Bibliografia
Vierteljahrsschrift der Naturforschenden Gesellschaft in Zürich, 66, 1921, 158-180
Jahresbericht der Deutschen Mathematiker-Vereinigung, 31, 1922, 185-203 (con elenco delle op.)
– H. Gropp, «Die Configurationen von T. Reye in Strassburg nach 1876», in Mathematik im Wandel, a cura di M. Toepell, 2, 2001, 287-301
NDB, 21, 481 sg.

Autrice/Autore: Erwin Neuenschwander / did