No 1

Nadler, Josef

nascita 23.5.1884 Neudörfl (Boemia), morte 14.1.1963 Vienna, catt., cittadino austriaco. Figlio di Franz Josef, macchinista in una coltelleria, e di Maria Maaz. ∞ Irma Breitfeld. Studiò germanistica e storia della letteratura a Praga, conseguendo il dottorato (1908). Fu professore di letteratura ted. a Friburgo (1912-25, con un'interruzione dovuta alla guerra dal 1914 al 1917), Königsberg (1925-32) e Vienna (1932-46). A Friburgo lavorò alla sua Literaturgeschichte der deutschen Schweiz (1932); affrontò altri temi sviz. nell'opera Der geistige Aufbau der deutschen Schweiz (1798-1848), pubblicata nel 1924. La sua Literaturgeschichte der deutschen Stämme und Landschaften (in quattro volumi, prima edizione nel 1912-28, quarta edizione nel 1938-41) stabilì delle connessioni tra le diverse epoche della letteratura ted. e i popoli; il quarto volume della quarta edizione, dedicato al XX sec., si avvicinava alle idee naziste e gli costò la cattedra nel 1946. Nel 1929 fu insignito del premio Gottfried Keller.


Opere
Kleines Nachspiel, 1954
Archivi
– Fondo presso Biblioteca nazionale austriaca, Vienna
– Fondo presso Archivio letterario ted., Marbach
Bibliografia
– S. Meissl (a cura di), «Zur Wiener Neugermanistik der dreissiger Jahre», in Österreichische Literatur der dreissiger Jahre, a cura di K. Amann, A. Berger, 1985, 130-146, 281-301
– C. König (a cura di), Internationales Germanistenlexikon 1800-1950, 2, 2003
– G. Stieg, «Les historiens de la littérature, vecteurs de l'antisémitisme», in Austriaca, 57, 2003, 145-151

Autrice/Autore: Marianne Rolle / frm