03/07/2013 | segnalazione | PDF | stampare
No 183

Müller, Maurice E.

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da immagini. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

nascita 28.3.1918 Bienne, morte 10.5.2009 Berna, rif., di Volketswil. Figlio di Jacques, imprenditore, e di Violette Huguenin. ∞ (1946) Martha Lüthi. Studiò medicina a Neuchâtel e Berna, superando l'esame di Stato a Losanna (1944) e conseguendo il dottorato a Zurigo (1946). In seguito si perfezionò a Jimma (Etiopia), Liestal e Friburgo. Capoclinica presso l'ospedale Balgrist di Zurigo, nel 1957 ottenne l'abilitazione in ortopedia. Fu direttore del reparto ortopedico-traumatologico della clinica chirurgica dell'ospedale cant. di San Gallo (dal 1960), professore ordinario all'Univ. di Berna (dal 1963) e direttore della clinica univ. di chirurgia ortopedica dell'Inselspital (fino al 1980). Sollecitato tra l'altro da Robert Danis di Bruxelles, dal 1951 sviluppò numerosi strumenti, piastre e protesi utilizzati per il trattamento operativo delle fratture ossee e come articolazioni artificiali dell'anca. Insieme a Robert Schneider, Martin Allgöwer, Hans Willenegger, Walter Bandi e altri otto membri fondatori, nel 1958 diede vita al gruppo di lavoro sui problemi dell'osteosintesi (AO), insignito del premio Marcel Benoist nel 1987, i cui metodi si diffusero a livello mondiale. Nel 1967 aprì un proprio studio all'interno dell'ospedale del Lindenhof a Berna e fondò la ditta Protek AG, specializzata nella produzione di protesi dell'anca, di cui la Sulzer acquisì una partecipazione di maggioranza (1989) prima di rilevare interamente la soc. (1992). La Fondazione Maurice E. Müller, nata nel 1974 dalla Fondazione Protek istituita nel 1967, promuove la ricerca, la formazione e la valutazione nell'ambito ortopedico. Nel 1998 i coniugi M. donarono 70 milioni di frs. per la creazione del Centro Paul Klee di Berna. Considerato uno dei maggiori ortopedici a livello mondiale, M. ottenne 12 lauree h.c., fu membro onorario di numerose soc. e professore invitato presso varie Univ. Nel 2006 Berna gli conferì la cittadinanza onoraria.


Opere
Die hüftnahen Femurosteotomien, 1957 (19712)
– in collaborazione con M. Allgöwer, H. R. Willenegger, Technik der operativen Frakturenbehandlung, 1963
– in collaborazione con M. Allgöwer, H. R. Willenegger, Manuale dell'osteosintesi, 1970 (ted. 1969, 19923)
Bibliografia
– M. Stuber, S. Kraut, Der Marcel Benoist-Preis 1920-1995, 1995, 226
Der Bund, 24.3.1998
– U. F. A. Heim, Das Phänomen AO, 2001
Berner Tagblatt, 16.4.2003
– J. Aebi-Müller (a cura di), Sternstunden der orthopädischen Chirurgie, 2008

Autrice/Autore: Urs Boschung / ato