Viscosuisse

Azienda produttrice di fibre sintetiche con sede a Emmen, fondata nel 1906 a Emmenbrücke come filiale del gruppo imprenditoriale franc. Ernest Carnot. Nel 1922 fu trasformata in soc. anonima secondo il diritto sviz. con la ragione sociale di Société de la Viscose Suisse (Viscosuisse dal 1976). Dopo gli esperimenti iniziali, dal 1908 la ditta produsse filati di seta artificiale a partire dalla cellulosa di legno. Sviluppatasi rapidamente, nel 1924 aprì una fabbrica a Widnau. Dopo una crisi delle vendite e una chiusura temporanea (1931-35), conobbe un nuovo slancio durante la seconda guerra mondiale (produzione di lana sintetica dal 1941). Nel 1947 rilevò la Steckborn Kunstseide AG e, dal 1948, produsse filati di viscosa per pneumatici. Grazie ai legami con la soc. franc. Rhône-Poulenc, fu la prima impresa sviz. a produrre nylon e occupò in seguito una posizione di monopolio a livello nazionale. La produzione di viscosa venne abbandonata nel 1980. Dal 1989, in seguito a processi di ristrutturazione globale, la soc. venne sempre più inserita in importanti gruppi industriali intern., con conseguente riduzione del personale (60 dipendenti nel 1906, 800 nel 1914, 2400 nel 1924, 5500 nel 1973, 2003 nel 1980, 360 nel 2006). Dopo vari cambiamenti di nome, la soc. fu sciolta nel 2006. Viscosuisse perseguì una politica aziendale marcatamente sociale, promosse l'identificazione dei dipendenti con l'azienda e influenzò lo sviluppo del com. di Emmen in qualità di committente edile, proprietaria di immobili e contribuente.


Bibliografia
50 Jahre Viscose Emmenbrücke, 1906-1956, 1956
75 Jahre Viscosuisse, 1981
– B. Schumacher, In Bewegung: Geschichte der Gemeinde Emmen, 2, 2004, 102-137, 236-251, 304

Autrice/Autore: Beatrice Schumacher / vfe