• <b>Danzas</b><br>"In vacanza con Danzas"; manifesto realizzato nel 1968 da  Hansruedi Scheller (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).

Danzas

Le origini dell'impresa intern. di trasporti e spedizioni Danzas, con sede a Basilea, risalgono a un'azienda attiva dal 1806 nella località alsaziana di Saint-Louis, che nel 1840 acquisì il nome del suo proprietario, Louis Danzas (1788-1862). Già all'epoca, la ditta organizzava trasporti oltremare ed era l'agenzia ufficiale della soc. di navi postali Le Havre-New York. Dopo la guerra franco-prussiana, sotto la direzione di Emile-Jules Danzas (1836-1917), figlio di Louis, l'impresa si sviluppò sul piano intern. e la sua sede fu trasferita a Basilea. Fino alla prima guerra mondiale la ditta conobbe una forte espansione, affermandosi sul mercato sviz. (apertura della filiale di Zurigo nel 1872, importanti incarichi nell'industria tessile) e specializzandosi nel trasporto a collettame verso l'estero (servizio alla navigazione d'alto mare). Nel 1878 la Danzas divenne una soc. in accomandita, nel 1903 una soc. per azioni. L'era della fam. Danzas si concluse verso la fine del XIX sec.: nel 1886 la direzione fu assunta da Laurent Werzinger, da anni procuratore e associato della Danzas, e poi da suo figlio Albert. Dopo la prima guerra mondiale, in Germania venne fondata una soc. Danzas a responsabilità limitata (1919); contemporaneamente fu aperta un'agenzia di viaggi ed emigrazione che nel periodo fra le due guerre divenne operativa nel settore dei viaggi. Dopo la seconda guerra mondiale la Danzas si stabilì pure in Francia e in Italia. Nel 1961 il gruppo, attivo ormai su scala mondiale, venne riorganizzato. La Danzas si specializzò nelle operazioni di sdoganamento in Europa, un'attività che nel 1993, con l'abolizione delle barriere doganali all'interno dell'Unione europea, subì un crollo (fatturato lordo: 10,2 miliardi di frs. nel 1992, 6,7 miliardi di frs. nel 1993; utile del gruppo: 20 milioni di frs. nel 1992, 12 milioni di frs. nel 1993). Apparvero evidenti lacune strutturali come il forte orientamento verso l'Europa, il trasporto in piccole partite e le elevate spese di infrastruttura. Negli anni 1990-2000 un'ulteriore ristrutturazione, che puntava sulla competenza in ambito logistico, si è tradotta in una riduzione dei servizi di trasporto e, nel 1995, nella vendita dell'azienda di viaggi (10% del giro d'affari nel 1994). Nel 1998 il gruppo ha raggiunto un utile di 38 milioni di frs.; nel 1999 è stato rilevato dalle Poste ted.

<b>Danzas</b><br>"In vacanza con Danzas"; manifesto realizzato nel 1968 da  Hansruedi Scheller (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).<BR/>
"In vacanza con Danzas"; manifesto realizzato nel 1968 da Hansruedi Scheller (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).
(...)


Bibliografia
Hundertfünfzig Jahre Danzas, 1965
– M. Furler, Dienstleistungsunternehmen: Danzas, Surveillance, Adia, 1988

Autrice/Autore: Beatrice Schumacher / rtu