• <b>Josef Martin Knüsel</b><br>Litografia a penna tratta dalla <I>Schweizerische Portrait-Gallerie</I>, pubblicata dal 1888 al 1907 a Zurigo da Orell Füssli (Biblioteca nazionale svizzera).

No 2

Knüsel, Josef Martin

nascita 16.11.1813 Lucerna, morte 14.1.1889 Lucerna, catt., di Lucerna. Figlio di Melchior Josef, commerciante di generi alimentari. ∞ Bernhardine Brunner, figlia di Jakob, capo dei Vecchi liberali e prefetto, di Ebikon. Studiò diritto a Heidelberg e Gottinga, conseguendo il brevetto lucernese di avvocato (1838). Fu vicecancelliere del tribunale penale di Lucerna dal 1839. Liberale, dopo la svolta conservatrice del 1841 fu nominato procuratore generale, carica che conservò anche dopo la caduta del governo conservatore nel 1847. Rappresentò i liberali nel consiglio com. di Lucerna (1845-47), nel Gran Consiglio lucernese (1847-55) e in Consiglio nazionale (1854-55). Dal 1852 al 1855 fu pure Consigliere di Stato, alla testa del Dip. di polizia. Benché poco conosciuto, il 14.7.1855 fu il primo rappresentante della Svizzera centrale a entrare in Consiglio fed., dopo che nei giorni precedenti Kasimir Pfyffer non aveva ottenuto la maggioranza assoluta (11 luglio) e il Consigliere nazionale basilese Johann Jakob Stehlin, eletto il 12 luglio, aveva rinunciato alla carica. Durante il ventennio in cui rimase in carica, diresse i Dip. delle finanze (1855-56 e 1862-63), del commercio e delle dogane (1857 e 1859-60), di giustizia e polizia (1858, 1864-65 e 1867-73), dell'interno (1874-75) e, in veste di pres. della Conf., quello politico (1861 e 1866). Liberale moderato, ricoprì spesso un ruolo di mediazione tra i partiti. Durante il Kulturkampf prese progressivamente le distanze dai suoi vecchi compagni di partito lucernesi e, forse anche a seguito dell'influsso esercitato dalla moglie, molto religiosa, si oppose a una via politica più radicale. K., uomo di legge piuttosto che di Stato, rispose sempre a una doppia anima liberale e catt., che lo spinse alle dimissioni nel 1875. Rieletto (al secondo turno) al Consiglio nazionale (1878), nel 1881, dopo aver sostenuto in parlamento i conservatori nella questione riguardante le suore insegnanti, perse definitivamente il sostegno dei liberali.

<b>Josef Martin Knüsel</b><br>Litografia a penna tratta dalla <I>Schweizerische Portrait-Gallerie</I>, pubblicata dal 1888 al 1907 a Zurigo da Orell Füssli (Biblioteca nazionale svizzera).<BR/>
Litografia a penna tratta dalla Schweizerische Portrait-Gallerie, pubblicata dal 1888 al 1907 a Zurigo da Orell Füssli (Biblioteca nazionale svizzera).
(...)


Archivi
– Fondo parziale presso ZHBL
Bibliografia
– R. Bussmann Luzerner Grossratsbiographien, presso StALU
– Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 264
– Altermatt, Consiglieri federali, 151-154

Autrice/Autore: Markus Trüeb / ato