• <b>Alexandre Herzen</b><br>Nel suo laboratorio di fisiologia attorno al 1910 (Bibliothèque de Genève).

No 2

Herzen, Alexandre

nascita 25.6.1839 Vladimir (Russia), morte 24.8.1906 Losanna, cittadino russo, dal 1851 di Burg bei Murten (oggi com. Morat). Figlio di Alexander Ivanovic ( -> 1). ∞ Thérèse Félici. Nel 1847 seguì il padre nell'esilio attraverso l'Europa. Studiò medicina a Londra, poi a Berna, dove ottenne il dottorato nel 1864. Nel 1862 partecipò alla spedizione di Carl Vogt in Islanda e nello Spitzberg. A Firenze fu assistente (1865-77) di Moritz Schiff, cui subentrò come professore di fisiologia e direttore dell'Ist. di studi superiori (1877-81). Fu professore straordinario di fisiologia alla facoltà di scienze (1881-95) e poi ordinario alla facoltà di medicina (1895-1906, decano nel 1906) di Losanna, dove creò e diresse il laboratorio di fisiologia (1882-1906). Fu autore di numerosi contributi scientifici sulle funzioni del cervello, dello stomaco, della milza e del pancreas. Acquisì ampia notorietà con le opere Fisiologia della volontà (1871, tradotta in franc. nel 1874) e Causeries physiologiques (1899). Partecipò inoltre attivamente all'organizzazione dell'insegnamento secondario nel cant. Vaud e si occupò di questioni sociali e morali, in particolare nel suo scritto Science et moralité (1894).

<b>Alexandre Herzen</b><br>Nel suo laboratorio di fisiologia attorno al 1910 (Bibliothèque de Genève).<BR/>
Nel suo laboratorio di fisiologia attorno al 1910 (Bibliothèque de Genève).
(...)


Bibliografia
ASESN, 89, 1906, 51-66 (con elenco delle op.)
– P.-E. Pilet, Naturalistes et biologistes à Lausanne, 1991, 155 sg.
Professeurs Lausanne, 600

Autrice/Autore: Paul-Emile Pilet / bel