Gatto

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Il gatto domestico discende probabilmente dal Felis silvestris lybica, il gatto selvatico dell'Africa settentrionale. Le prime attestazioni che testimoniano con certezza l'addomesticamento di gatti provengono dall'antico Egitto, dove a partire dal 1600 a.C. il gatto era oggetto di venerazione religiosa quale incarnazione del dio solare Re, ma anche come animale sacro della dea Bastet e come simbolo di feconditÓ e maternitÓ. In seguito al divieto di esportazione, la sua diffusione fu piuttosto lenta. Introdotto nell'Italia meridionale dai Greci nel V sec. d.C., giunse nelle province settentrionali grazie ai Romani, che lo consideravano un animale domestico insolito ed esotico (Animali domestici). In Svizzera le prime attestazioni archeozoologiche risalgono al I sec. d.C. (Augusta Raurica). Fino al ME il gatto ebbe un posto di particolare rilievo tra gli animali domestici, in quanto nemico naturale dei roditori. Le sue caratteristiche peculiari (caccia notturna, luminositÓ degli occhi nell'oscuritÓ, richiami particolarmente rumorosi durante il periodo degli amori, acuta sensibilitÓ sensoriale) provocarono nell'uomo reazioni sia positive sia negative. Nel ME e nell'epoca moderna il gatto era da un lato considerato un animale utile e dall'altro oggetto di superstizione; i suoi presunti legami con la stregoneria lo resero vittima di cacce e persecuzioni. Le credenze popolari, inoltre, gli attribuivano capacitÓ profetiche. Dal tardo ME il gatto nero divenne un simbolo del demonio. A differenza del Cane, ubbidiente all'uomo, il gatto compare solo raramente nelle fonti scritte e iconografiche.

Konrad Gessner menz. il gatto nel suo bestiario del 1563, sottolineandone l'utilitÓ nella lotta contro i roditori, descrivendone il comportamento e segnalando l'allergia provocata dal suo pelo. Le raffigurazioni di gatti del pittore bernese Gottfried Mind, detto il "Raffaello dei gatti", attestano la crescente considerazione maturata nel XVIII sec. per questo animale, che pur avendo mantenuto tratti da predatore si distingue per la sua docilitÓ e mansuetudine. Nel 1890 si tenne a Zurigo la prima esposizione felina nazionale. In Svizzera vengono allevate diverse razze, ma non ne esiste una indigena. Nel 1952 la fusione di alcune soc. feline, tra le quali la Soc. sviz. del gatto di razza (1949), diede vita alla Federazione Felina Elvetica, che nel 2004 contava 11 sezioni regionali e due sezioni sovraregionali. Dal 1982 al 1994 Riehen ospit˛ un museo dei gatti. Nel 2000 il numero di gatti in Svizzera fu stimato a ca. 1,34 milioni. Nella Svizzera franc. circa un terzo e nella Svizzera ted. circa un quarto delle economie domestiche possedevano almeno un gatto.


Fonti
– C. Gessner, Thierbuch, 1563
Bibliografia
Handw÷rterbuch des deutschen Aberglaubens, 4, 1932, 1107-1124 (rist. 1987)
– R. Delort, Les animaux ont une histoire, 1984, 411-447
– D. C. Turner, Das sind Katzen, 1989
LexMA, 5, 1078-1080
– S. Deschler-Erb, źOsteologischer Teil╗, in Das Fundmaterial aus der Schichtenfolge beim Augster Theater, 1992, 376
– AA. VV. (a cura di), Katz & Hund, literarisch, 2001

Autrice/Autore: Peter Lehmann, Heidemarie HŘster-Plogmann / mdi