• <b>Vladimir Nabokov</b><br>A caccia di farfalle nei dintorni di Montreux nel 1970  © KEYSTONE / Horst Tappe. Era uno dei passatempi preferiti dello scrittore, rinomato specialista di lepidotteri, durante il suo soggiorno a Montreux tra il 1961 e il 1977.

No 1

Nabokov, Vladimir

nascita 23.4.1899 San Pietroburgo, morte 2.7.1977 Montreux, cittadino russo, dal 1945 statunitense. Figlio di Vladimir Dmitrievič, benestante uomo politico, e di Elena Ivanovna Rukavišnikova. ∞ (1925) Vera Slonim. Emigrato in Inghilterra nel 1919, studi˛ letteratura russa e franc. a Cambridge. Dal 1922 fu attivo a Berlino come scrittore indipendente (fino al 1940 con lo pseudonimo di Vladimir Sirin). Nel 1937 si trasferý a Parigi e nel 1940 negli Stati Uniti, dove dal 1948 al 1959 fu professore di letteratura russa ed europea alla Cornell University di Ithaca (New York). In seguito visse a Montreux quale scrittore indipendente. Autore di brillanti romanzi a sfondo psicologico, dapprima in russo, poi anche in inglese, conobbe un grande successo con il romanzo Lolita (1955, in it. nel 1959). La novella Mademoiselle O, scritta in franc. nel 1936 (nel 1994 ne venne tratta una versione cinematografica), Ŕ un omaggio alla memoria della sua governante romanda. N. fu pure un rinomato specialista di farfalle; sopra Montreux scoprý una specie tipica del luogo, cui venne dato il nome di Nabokov's blue.

<b>Vladimir Nabokov</b><br>A caccia di farfalle nei dintorni di Montreux nel 1970  © KEYSTONE / Horst Tappe.<BR/>Era uno dei passatempi preferiti dello scrittore, rinomato specialista di lepidotteri, durante il suo soggiorno a Montreux tra il 1961 e il 1977.<BR/>
A caccia di farfalle nei dintorni di Montreux nel 1970 © KEYSTONE / Horst Tappe.
(...)


Opere
Romanzi, 2008-
Bibliografia
– P. Brang (a cura di), Landschaft und Lyrik, 1998, 628-631
– M. Sebregondi, E. Porfiri (a cura di), V. Nabokov, 1999

Autrice/Autore: Peter Brang / ato