No 1

Dostoevskij, Fedor Michajlovic

nascita 30.10.1821 Mosca, morte 28.1.1881 San Pietroburgo, russo-ortodosso, cittadino russo. Figlio di Michail Andrejevic, medico militare e fautore della medicina sociale. ∞ 1) (1857) Marija Dimitrievna Issajeva; 2) (1867) Anna Grigorevna Snitkina. Fortemente indebitato, nel 1867 il celebre scrittore russo fu costretto a fuggire per quattro anni in Europa occidentale con la sua seconda moglie. Dall'agosto del 1867 all'estate seguente visse a Ginevra, dove sua figlia Sofija morì poco dopo la nascita. In seguito D. si trasferì a Vevey e giocò assiduamente alla roulette a Saxon; nel settembre del 1868 partì per l'Italia. In questo periodo scrisse una parte importante del romanzo L'idiota. Nelle opere e nelle lettere di D. si trovano pareri critici nei confronti della Svizzera (dove soggiornò anche per brevi periodi nel 1862, nel 1863 e nel 1874) e l'eco delle impressioni raccolte durante la permanenza nel Paese (tra l'altro sul dipinto di Holbein Cristo morto al Kunstmuseum di Basilea).


Bibliografia
– I. Rakusa (a cura di), Dostojewskij in der Schweiz, 1981

Autrice/Autore: Heinrich Riggenbach / ato