Suze

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Fiume del cant. Berna lungo 42 km, la S. nasce all'estremità occidentale della valle di Les Convers, scorre nella valle di Saint-Imier e attraversa le gole del Taubenloch per sfociare nel lago di Bienne; (ted.: Schüss). Non navigabile, nel XVII e XVIII sec. la S. azionava una quarantina di impianti (mulini, forge e tintorie) e, dal 1892, centrali idroelettriche. Nel 2010 erano ancora in vigore 11 concessioni per lo sfruttamento idrico. Lo sviluppo industriale (orologeria, fabbrica di cemento a La Reuchenette, fabbrica di pasta di legno a Rondchâtel, trafilatura a Bözingen, ecc.) seguì il corso del fiume e conobbe nuovi impulsi con l'apertura della linea ferroviaria Bienne-Les Convers (1874). A Bözingen la S. entra nella pianura. A Bienne, dove esiste una chiusa dal 1829, si divide in tre rami: uno costeggia la città vecchia, un altro, detto canale della S. (i cui lavori di costruzione iniziarono nel 1825), attraversa in linea retta i nuovi quartieri, l'ultimo si immette nell'antico letto della Thielle passando per Madretsch. Tra il 1910 e il 1940 il fiume venne incanalato per oltre un terzo del suo percorso. Dal 1998 il piano direttore cant. prevede una migliore protezione contro le inondazioni e la rivitalizzazione degli argini.


Bibliografia
– W. e M. Bourquin, Biel, Stadtgeschichtliches Lexikon, 1999, 381 sg.
– A. Beuchat-Bessire, «Moulins et industrialisation du bassin erguëlien de la Suze (1760-1900)», in L'Hôtâ, 27, 2003, 57-70
– B. Romy, Le meunier, l'horloger et l'électricien, 2004

Autrice/Autore: Christine Gagnebin-Diacon / gbp