14/12/2006 | segnalazione | PDF | stampare
No 3

Hungerbühler, Matthias

nascita 2.9.1805 Wittenbach,morte 14.7.1884 San Gallo, catt., di Wittenbach, cittadino onorario di Weesen (dal 1857) e di Straubenzell (oggi com. San Gallo, dal 1858). Figlio di Moritz Ludwig, medico di campagna e nel contempo direttore di una clinica psichiatrica, e di Anna Catharina Gerster. ∞ (1843) Johanna Staub, figlia di Fidel, amministratore della tesoreria cant. di Soletta. Dopo il liceo catt. di San Gallo, studiò teol. e filosofia, poi diritto a Friburgo in Brisgovia, Ginevra e Berlino senza completare la formazione (1822-30). Avvocato a San Gallo (dal 1831), fu poi cancelliere di Stato (1835-38). Fu deputato liberale al Gran Consiglio di San Gallo (1835-70 e 1873-78; pres. nel 1865), Consigliere di Stato (1838-59, 1862-64 e 1873-78) responsabile di diversi dip. (giustizia, polizia, dell'interno, costruzioni, finanze, educazione), per dieci volte Landamano, membro della Costituente (1859-60 e 1861) e pres. del tribunale cant. (1864-73). Sul piano fed. fu rappresentante fed. a Svitto dopo lo scioglimento del Sonderbund (1847-48), delegato alla Dieta fed. (1848) e Consigliere nazionale (1848-75, pres. nel 1852-53). Dirigente dei liberali radicali del cant., attorno al 1866 si avvicinò ai liberali moderati. Fautore nelle dispute religiose dell'idea di una Chiesa di Stato sul modello giuseppinista, nel 1856 sostenne l'introduzione di una scuola cant. confessionalmente mista. Durante il Kulturkampf si oppose all'ultramontanismo. Di orientamento rigorosamente liberale in economia, palesato ad esempio dal suo sostegno alla ferrovia privata Wil-San Gallo-Rorschach (1856), si mostrò tuttavia sensibile alle questioni sociali, spec. quale pres. della Soc. di utilità pubblica dei cant. San Gallo e Appenzello (1844-67).


Archivi
– Fondo presso KBSG
Bibliografia
– R. Flury, J. M. Hungerbühler 1805-1884, 1962 (con bibl.)
– Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 567 sg.
– K. Buchmann, «M. Hungerbühler», in NblSG, 111, 1971, 22 sg.

Autrice/Autore: Marcel Mayer / ato