Kriechenwil

Com. BE, distr. Laupen; (1353: Digki; toponimo ufficiale fino al 1959: Dicki). Situato al confine con il cant. Friburgo, sulla riva sinistra della Sarina, comprende il villaggio di K. e le frazioni di Schönenbühl e Risau. Pop: 199 ab. nel 1764, 489 nel 1850, 415 nel 1900, 390 nel 1950, 371 nel 1960, 410 nel 2000. Sono stati rinvenuti reperti preistorici nei dintorni di K. (punta di lancia neolitica, tumuli hallstattiani), a Risau (briglie e finimenti altomedievali) e in riva alla Sarina (deposito di monete di epoca indeterminata). La strada incassata dell'Eiholz costituiva un tratto della via di transito medievale verso Berna (vestigia di un ponte sulla Sarina datato tramite analisi dendrocronologica al 1400 ca.). Lungo la strada sono stati riportati alla luce resti di una forca medievale (basamento). La regione appartenne alla signoria medievale di Laupen, con la quale nel 1324 passò a Berna e venne incorporata al baliaggio di Laupen (bassa e alta giustizia dipendenti dalla giurisdizione di Zollikofen). Fino alla Riforma (1528) K. fece capo alla parrocchia di Neuenegg; da allora è affiliato a quella di Laupen. Le frazioni nate dalla divisione delle curtes medievali erano associate in una comunità di sfruttamento e per gestione dell'avvicendamento delle colture (Laupenholz) detta "com. di Dicki", e formavano con i com. friburghesi di Bösingen, Gurmels e Liebistorf una comunità per lo sfruttamento dei pascoli che fu sciolta nel 1827. L'incremento dell'attività edile dopo il 1960 portò il villaggio di K. e la zona di Dönishaus a formare un unico agglomerato. Il com., caratterizzato da un'economia agricola e artigianale, ospita la scuola elementare, mentre quella superiore si trova a Laupen. Due terzi della pop. attiva sono pendolari in uscita (spec. verso Berna).


Fonti
SDS BE, II/5

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / mdi