Clavaleyres

Com. BE, distr. Laupen, a sud del lago di Morat. Enclave bernese di lingua ted. nel territorio dei cant. Friburgo e Vaud, comprendente il piccolo villaggio di C. e alcune fattorie. Pop: 31 ab. nel 1764, 99 nel 1850, 118 nel 1880, 102 nel 1900, 72 nel 1950, 53 nel 2000. Le prime testimonianze di una presenza umana consistono in anelli e frammenti di bronzo del periodo di La Tène, in alcuni resti di insediamenti romani, e forse in una villa nell'Hubel. Nel ME la curtis di C. appartenne al priorato di Münchenwiler, con cui condivise l'evoluzione politica e l'appartenenza, dal 1484, alla parrocchia di Morat. Poco prima della Riforma C. passò a Berna (1527), mentre nel 1535 fu inglobato alla signoria di Münchenwiler; nel 1798 fu assegnato a Friburgo e nel 1807 al cant. Berna. In seguito a suddivisioni della curtis, si andò costituendo fino al XVIII sec. un "piccolo villaggio". Gli ab. del com. rurale mandano i figli nelle scuole di Münchenwiler. C. si è sempre opposto ai tentativi del governo cant. (fra l'altro nel 1895) di unirlo a Münchenwiler.


Bibliografia
– K. L. Schmalz, «Der Kampf um die Wiedervereinigung der Gemeinden Münchenwiler und Clavaleyres mit dem Kanton Bern 1798-1807», in AHVB, 37, 1944, 483-542

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / did