13/01/2015 | segnalazione | PDF | stampare
No 5

Welti, Emil

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

nascita 23.4.1825 Zurzach,morte 24.2.1899 Berna, rif., di Zurzach, cittadino onorario di Ginevra (1860) e Aarau (1867). Figlio di Jakob Friedrich, giudice cant. e membro del Gran Consiglio, e di Barbara Fischhaber. Fratello di Johann Jakob ( -> 11). ∞ (1853) Carolina Gross, figlia di Johann Ulrich, municipale di Zurzach. Dopo la scuola cant. ad Aarau (1840-44), studiò diritto a Jena e Berlino (1844-47). Rinunciò a una carriera acc. e conseguì la patente argoviese di avvocato (1847). Fu pres. del tribunale distr. di Zurzach (1852), membro del Consiglio di Stato argoviese (1856-66) e Landamano (1858, 1862, 1866). Durante il suo mandato a capo del Dip. di giustizia (1856-62) furono tra l'altro introdotti un nuovo Codice penale e il Codice di procedura penale e venne costruito il penitenziario di Lenzburg. Sostenne fermamente l'uguaglianza giur. degli ebrei argoviesi, che però non riuscì a realizzare pienamente. Come direttore del Dip. dell'educazione (1863-66) contribuì in maniera determinante alla revisione della legge scolastica. Fu Consigliere agli Stati (1857-66, pres. nel 1860 e 1866), commissario fed. a Ginevra (affare della Savoia, 1860; rivolte del 1864) e colonnello (1866). Nel 1866 l'Univ. di Zurigo gli conferì il dottorato h.c. per i suoi lavori di storia del diritto.

Dal 1867 al 1891 fece parte del Consiglio fed. (pres. della Conf. nel 1869, 1872, 1876, 1880, 1884 e 1891), in seno al quale assunse presto una posizione dominante. Fino al 1875 diresse perlopiù il Dip. militare. Il suo merito principale fu la trasformazione dell'esercito, fino ad allora composto da contingenti di truppe cant., in un esercito fed. unificato sul piano degli armamenti e della formazione. A tale scopo promosse la revisione totale della Costituzione fed. del 1848 nell'ottica di un rafforzamento dell'autorità fed. Considerato come il principale artefice della revisione fed. del 1872, le sue aspettative furono in parte disattese dalla Costituzione fed. del 1874, di cui però condivise l'impostazione in materia di unificazione del diritto. Il Codice sviz. delle obbligazioni fu approvato nel 1881 mentre era a capo del Dip. di giustizia e polizia.

La politica ferroviaria rappresentò un altro punto chiave nell'attività di W. Convinto sostenitore della linea del Gottardo, contribuì in maniera significativa all'accordo per il quale l'Italia e gli Stati ted. destinarono al progetto del Gottardo le loro sovvenzioni per una ferrovia alpina sviz. Parallelamente assicurò alla Conf. il diritto di sorveglianza e codecisione. Nel 1878 si schierò energicamente per una sovvenzione supplementare della Conf. alla Ferrrovia del Gottardo e contribuì ampiamente al salvataggio della compagnia. Alla testa del Dip. delle poste e delle ferrovie dal 1879, aspirò alla statalizzazione delle grandi linee ferroviarie tramite un loro riscatto da parte della Conf. Raggiunse l'obiettivo con la Ferrovia del Giura-Sempione nel 1890; la bozza di trattato con la Ferrovia centrale sviz. fu invece respinta a larga maggioranza nella votazione popolare del 6.12.1891. Il giorno stesso W. si dimise dal Consiglio fed.

Appartenente allo schieramento liberale, seppe mantenere la sua indipendenza di fronte all'insieme delle forze politiche. Sebbene favorevole alla separazione tra Stato e Chiesa, non partecipò alla politica del Kulturkampf dei radicali. Strenuo avversario del referendum, si distanziò dai democratici, mentre i suoi piani di centralizzazione parvero eccessivi al centro liberale, al quale venne assegnato negli anni seguenti. Fu un magistrato lungimirante, energico, con una notevole capacità di imporsi e la levatura di un uomo di Stato; godette sempre della stima dei politici di tutti i partiti e dell'intera popolazione.


Archivi
– Fondo presso AFS
Bibliografia
– Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 683 sg.
– Altermatt, Consiglieri federali, 177-183

Autrice/Autore: Heinrich Staehelin / sat