• <b>Walter Hauser</b><br>Litografia a penna tratta dalla <I>Schweizerische Portrait-Gallerie</I>, Zurigo, Orell Füssli, 1888-1907 (Biblioteca nazionale svizzera).

No 34

Hauser, Walter

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 1.5.1837 Wädenswil, morte 22.10.1902 Berna, rif., di Wädenswil. Figlio di Jakob Arnold, maestro conciatore e vice-ispettore di circondario militare del cant. Zurigo, e di Emilie Theiler. ∞ (1865) Marie Sophie Wiedemann, figlia di Daniel, commerciante. Frequentò l'ist. Heer a Wädenswil e il liceo a Zurigo. Fece un apprendistato nella conceria paterna a Wädenswil, di cui divenne in seguito gerente e proprietario fin verso il 1880. Membro attivo della soc. ginnica, nel suo com. di origine fu tra i promotori della ferrovia sulla riva sinistra del lago di Zurigo (1859), del tronco ferroviario Wädenswil-Einsiedeln (1870) e delle officine del gas (1874). Verso la fine degli anni 1860-70 aderì al movimento democratico e fu eletto nella Costituente zurighese (1868) e nel Gran Consiglio cant. (1869). Consigliere di Stato zurighese (1881-88), diresse il Dip. delle finanze e poi quello dei lavori pubblici. Nel 1888 fu promosso colonnello d'artiglieria.

<b>Walter Hauser</b><br>Litografia a penna tratta dalla <I>Schweizerische Portrait-Gallerie</I>, Zurigo, Orell Füssli, 1888-1907 (Biblioteca nazionale svizzera).<BR/>
Litografia a penna tratta dalla Schweizerische Portrait-Gallerie, Zurigo, Orell Füssli, 1888-1907 (Biblioteca nazionale svizzera).
(...)

Consigliere nazionale (1869-75) e Consigliere agli Stati (1879-88, pres. 1883), nell'Assemblea fed. si schierò nelle file della sinistra democratica. Il 13.12.1888 venne eletto nel Consiglio fed. al primo turno con 117 voti (pres. della Conf. nel 1892 e 1900). Diresse il Dip. militare (1888-90) nel periodo di costruzione delle fortificazioni del Gottardo e in seguito fu a capo del Dip. delle finanze e dogane (1891-99 e 1901-02). Considerato come salvatore delle finanze fed., introdusse il controllo finanziario e riuscì a trovare i fondi per la nazionalizzazione delle ferrovie. Il suo disegno di legge per la creazione di una banca di Stato fu respinto in votazione popolare nel 1897 e venne accolto solo dopo un secondo tentativo nel 1906. I suoi contemporanei elogiarono la sua intelligenza, fermezza di carattere, forza di volontà, senso del dovere, amore patrio e zelo; fu caratterizzato da una personalità controllata, tenace, a volte caparbia. A Wädenswil lo ricordano un monumento e una strada.


Archivi
– Fondo presso AFS
Bibliografia
– Altermatt, Consiglieri federali, 244-247

Autrice/Autore: Peter Ziegler / sma