Bowil

Com. BE, distr. Konolfingen; situato sullo spartiacque fra Emme e Aar, si estende a sud sul Kurzenberg e a nord su contrafforti della Blasenfluh e comprende il villaggio di B. (1299: Bonwile), Oberhofen, Rünkhofen e Steinen, casali e fattorie isolate. Pop: 951 ab. nel 1764, 1588 nel 1850, 1765 nel 1870, 1665 nel 1900, 1514 nel 1950, 1247 nel 1980, 1339 nel 2000.

Al confine con Signau, su entrambi i lati della chiusa valliva, si trovano le rovine di Alt-Signau e Neu-Signau, rocche tardomedievali e sedi originarie dei baroni von Signau; prima della dominazione bernese, il confine seguiva l'andamento dello spartiacque e le rocche si trovavano dunque in territorio di Signau. Le terre di B. appartenevano ai von Signau, ad altri signori (fra cui l'ospedale inferiore di Berna) e a contadini. B. dipendeva da Signau per la bassa giustizia (dal 1529 dal baliaggio di Signau, di nuova creazione), mentre per l'alta giustizia faceva capo alla giurisdizione (Landgericht) di Konolfingen (distr. dal 1803). Dopo la Riforma (1528) si registrò una forte diffusione dell'anabattismo; per contrastare questo sviluppo, Berna creò, all'interno della parrocchia di Grosshöchstetten, il vicariato di B.-Oberthal (1720). Oggi B. fa parte della parrocchia di Grosshöchstetten; dal 1930 la sua chiesa è sede della circoscrizione parrocchiale di B.-Oberthal.

Nell'agricoltura era dominante l'economia mista, alternante campicoltura e foraggicoltura. Un comunato per lo sfruttamento di pascoli e boschi tra B., Oberhofen, Rünkhofen, Reutenen, Mirchel, Nüchtern e Zäziwil fu abolito solo gradualmente (1594, 1608, 1679). Steinen, che possedeva propri beni comuni, nel 1691 si divise in due comunità, “esterna” ed “interna” (Innere/Äussere Gemeinde). Attualmente le antiche comunità giur. (le cosiddette Rechtsamegemeinden) di Steinen-Hübeli, B., Langeney, Oberhofen e Rünkhofen hanno competenze limitate alla manutenzione dei torrenti. Il passaggio diffuso all'allevamento ebbe luogo nel XIX sec.; nel 1990 il primario assorbiva il 33% della pop. attiva. Il collegamento stradale e ferroviario sulla linea Berna-Lucerna (stazione nel 1901) ha incentivato le aziende locali (fabbrica di macchinari, lavorazione del legno) ma anche il richiamo economico della regione bernese. Risale al 1990 il complesso residenziale Schlossberg.


Bibliografia
– F. Häusler, Das Emmental im Staate Bern bis 1798, 2 voll., 1958-1968
– A.-M. Dubler, «Adels- und Stadtherrschaft im Emmental», in AHVB, 75, 1992, 30-38
– P. Stalder, Bowil und seine Geschichte, [1996]

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / vfe