No 4

Jauch, Giovanni

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 22.3.1806 Bellinzona, morte 26.7.1877 San Bernardino (com. Mesocco), catt., originario del canton Uri, dal 1840 patrizio di Bellinzona. Figlio di Francesco, possidente, e di Teresa Varrone. ∞ Elisa Schenardi. Nel 1828 si laure˛ in giurisprudenza a Pavia; fu avvocato e notaio a Bellinzona. Esponente di spicco della corrente radicale, fu membro del Gran Consiglio ticinese (1844-77; pi¨ volte pres.), Consigliere-segr. di Stato (1855), deputato alla Dieta fed. (1846-48), Consigliere nazionale (1848-51 e 1855-72) e Consigliere agli Stati (1874-75). Ebbe una parte importante nella rivoluzione radicale del 1839 e nella repressione del tentativo controrivoluzionario conservatore (1841). Fu tenente colonnello durante la guerra del Sonderbund (1847); presiedette il comitato cant. del Pronunciamento (1855). Nel 1871 fond˛ il giornale La Costituzione, per osteggiare l'idea della separazione del Ticino in due cant.; l'anno seguente fu tra i promotori del giornale La Riforma fed. Rappresent˛ il cant. ai negoziati con la Santa Sede sull'amministrazione religiosa del Ticino (1860); quale delegato fed. tratt˛ con il Piemonte la questione dei beni della mensa vescovile di Como in Svizzera (1861-62). Sindaco di Bellinzona dal 1864 alla morte, fu inoltre pres. della Banca cant. e membro di numerose altre istituzioni, tra cui la Soc. dei Carabinieri e la Soc. Demopedeutica.


Opere
Sulla riforma della Costituzione. Parole d'un Patriota, 1842
Bibliografia
ESI, 1877, 251-255
– Gruner, Bundesversammlung/L'AssemblÚe, 1, 742 sg.
– C. Biasca, Gli anni del Pronunciamento, 1986

Autrice/Autore: Corrado Biasca