Togo

 © 2010 DSS e cartografia Kohli, Berna.<br>
© 2018 DSS

Alla fine della prima guerra mondiale, il protettorato ted. del T. venne suddiviso tra Gran Bretagna e Francia. Negli anni 1930-40 i consolati di Accra e Dakar registravano la presenza in T. di una trentina di Svizzeri, perlopiù commercianti confrontati al protezionismo franc. e missionari, questi ultimi presenti spec. nel T. britannico (annesso alla Costa d'Oro nel 1956). L'indipendenza del T. franc. (Repubblica togolese) fu riconosciuta dal Consiglio fed. nel 1960. Da ca. 70 negli anni 1960-80 il numero di cittadini sviz. salì a quasi 200 nel 1983 e scese a 107 nel 2010 (di cui 41 con doppia nazionalità). Il numero di Togolesi in Svizzera passò da 5 nel 1960, a 100 nel 1980, 160 nel 1990 e 1110 nel 2010. Sul piano diplomatico, la Svizzera dispone di un consolato generale a Lomé (circondario consolare dell'ambasciata sviz. di Accra in Ghana). Nel 1964 venne concluso un accordo commerciale, di protezione degli investimenti e di cooperazione tecnica. Gli scambi economici si basavano sul caffè, sul cacao, sul turismo e sulla vendita di macchinari sviz. coperti da garanzia contro i rischi all'esportazione (con riserva dal 1981). Nel 2010 le esportazioni sviz. ammontavano a 17,39 milioni di frs., le importazioni a 0,7 milioni. Dal 1979 la Svizzera fa parte del Club di Parigi come membro creditore. Detenendo tra un quarto e un terzo del debito del T., la Svizzera è il secondo creditore del Paese dopo la Francia. Tra il 1979 e il 1995 dieci accordi bilaterali hanno permesso di rateizzare il debito del T. Nel 2009 è stato siglato un accordo di sdebitamento per un valore complessivo di 171 milioni di frs. Nel 2011 la Conf. ha deciso di cancellare il debito del T. (ca. 63 milioni di frs.)


Archivi
– Documentazione del DFAE

Autrice/Autore: Marc Perrenoud / luc