25/02/2008 | segnalazione | PDF | stampare

Liberia

Nell’edizione a stampa questo articolo Ŕ corredato da un infografico. ╚ possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Dal XIX sec. la L. suscit˛ in Svizzera l'interesse di alcuni commercianti ed esploratori, ma soprattutto degli antischiavisti, attratti da un Paese fondato nel 1847 da schiavi emancipati, giunti dagli Stati Uniti nel 1822. Molto modesti prima del 1945, gli scambi bilaterali si svilupparono poi rapidamente, giustificando l'apertura di un consolato a Monrovia nel 1954, di un consolato generale nel 1957 e di un'ambasciata (diretta da un incaricato d'affari) nel 1965. Nel 1963 furono stipulati due trattati bilaterali: uno di amicizia e di commercio, l'altro di conciliazione, regolamentazione giudiziaria e d'arbitrato. Si ritiene che all'epoca gli investimenti sviz. ammontassero a pi¨ di 15 milioni di frs.; gli Svizzeri in L., oltre 200, erano attivi per lo pi¨ nel commercio intern., nello sfruttamento delle foreste, nelle piantagioni e nella fabbrica di birra Monrovia Brewery, la maggiore del Paese. Nel decennio 1980-90, nonostante l'esportazione di materiale bellico, gli scambi commerciali languirono e il numero di Svizzeri cal˛. Nel 1988 le imprese elvetiche erano comunque una decina e impiegavano pi¨ di 650 persone. Considerata fino allo scoppio della guerra civile nel 1989 un avamposto dell'economia americana in Africa e nota per la sua politica liberale favorevole all'Occidente, la L., ricca in materie prime (ferro, diamanti, caucci¨, olio di palma) attirava gli investitori stranieri. La legislazione fiscale autorizza la navigazione, sotto bandiera di comodo, di una flotta notevole. Nel decennio 1980-90 la L. era, con il Sudafrica, l'Algeria e la Nigeria, uno dei Paesi africani dove le banche sviz. erano maggiormente impegnate (diversi miliardi di frs. secondo le statistiche pubblicate dalla Banca nazionale sviz.). Dal settembre 1990 la Croce Rossa sviz. presta soccorso ai Liberiani rifugiatisi nel Ghana, vittime di una cruenta guerra civile (1989-2003). Dal 2004 la Direzione dello sviluppo e della cooperazione sostiene la ricostruzione del Paese. Nel 2006 la Svizzera ha investito 7,49 milioni di frs. nell'aiuto umanitario e nella cooperazione bilaterale allo sviluppo.


Archivi
– Documentazione del DFAE

Autrice/Autore: Marc Perrenoud / gbp