Matten bei Interlaken

Com. BE, distr. Interlaken; (1133: inter lacus Madon). Villaggio ai piedi della catena collinare del Rugen sulla pianura alluvionale (Bödeli) tra il lago di Brienz e il lago di Thun, che comprende l'exclave di Änderberg. Pop: 372 ab. nel 1764, 795 nel 1850, 1602 nel 1900, 2042 nel 1910, 1813 nel 1930, 2183 nel 1950, 3671 nel 2000. Sono stati rinvenuti reperti romani nei pressi dell'arsenale (moneta, forse tracce di una strada) e tombe dell'alto ME (antica cava di Moosbühl). Nell'area di M. si trovavano possedimenti del re di Borgogna (1310 "beni di Adelaide"); nel XIII sec. l'alta giurisdizione su questi territori costituiva un feudo imperiale di baroni (von Buchegg, von Wädenswil) e dei loro ministeriali (von Matten, vom Bach). Tramite donazioni di nobili, il priorato agostiniano di Interlaken entrò in possesso di beni e del baliaggio a M. (1300-10). Dopo la secolarizzazione del priorato (1528), M. fu sottoposto al baliaggio bernese di Interlaken (giurisdizione), a cui fecero capo anche il cronicario medievale e il patibolo sul Rugen. Sul piano ecclesiastico M. fa da sempre parte della parrocchia, risp. della comunità parrocchiale di Gsteig bei Interlaken, all'interno della quale attualmente costituisce, con Interlaken, un circondario parrocchiale (casa parrocchiale nel 1979). Fino al 1798 M. era formato da due enti comunitari detti com. dei poveri, da un com. scolastico e da due comunità di villaggio (Bäuerten, terziere superiore e terziere medio); queste ultime formavano, con le Bäuerten di Aarmühle e Wilderswil, una corporazione per lo sfruttamento dei beni comuni. Dal XVI sec. iniziò una contesa relativa ai boschi e ai pascoli comuni; nemmeno la separazione di Wilderswil nel 1633 compose la lite. Su richiesta di Aarmühle, nel 1810 Aarmühle e M. divisero i beni comuni e nel 1838 costituirono due com. separati. Orientato verso la località turistica di Aarmühle (dal 1891 Interlaken), dopo il 1850 il villaggio rurale si dotò di proprie strutture di cura, come il primo grand hôtel sul Rugen (1863) con sentiero circolare e padiglione per la cura a base di siero di latte (dal 1981 scuola alberghiera della Soc. sviz. degli albergatori). Nello stesso periodo si sviluppò anche l'attività artigianale, in particolare il birrificio Rugen (1866). Come Interlaken anche M. visse il suo momento di maggior splendore sul piano demografico ed economico nel 1910, a cui seguì la crisi delle guerre mondiali e un calo della pop. L'aeroporto militare, costruito negli anni 1939-41 in parte su territorio com. (più tardi sede del Mystery Park fallito nel 2007), rappresentò una fonte di reddito per la regione. La ripresa turistica (dal 1945) determinò l'unione degli insediamenti di Interlaken e M. (nucleo del XVI-XVIII sec.), che attualmente formano, insieme a Unterseen, un'unica regione turistica ed economica, in parte con infrastrutture comuni (pista di pattinaggio dal 1979). A M. il principale datore di lavoro è la Conf. (arsenale, aeroporto). Dal 1805 sul prato di Unspunnen si svolgono le note feste alpigiane e l'omonima gara di lotta sviz.; nel 1912 ebbero luogo la prima volta i giochi di Tell.


Bibliografia
– H. Zwahlen, Heimatkunde des Dorfes Matten bei Interlaken, 1981
– B. Mutter, Bauinventar der Gemeinde Matten bei Interlaken, 1999

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / sma