Mühlebach bei Amriswil

Ex Ortsgemeinde TG, com. Amriswil, distr. Bischofszell; (ca. 869: Mulibach). Situato lungo le strade Sulgen-Arbon e San Gallo-Costanza, dal 1803 al 1931 formō, con Köpplishaus, Obermühle e Schrofen, una Ortsgemeinde della Munizipalgemeinde di Amriswil. In seguito fece parte della Ortsgemeinde (1932-79) e poi del com. di Amriswil (dal 1979). Pop: 346 ab. nel 1850, 381 nel 1900, 539 nel 1930, 546 nel 1940, 607 nel 1960. Nell'869 ca. l'abbazia di San Gallo cedette in feudo dei beni a M. Il vescovo di Costanza fu proprietario della corte (Dinghof) di M., che infeudō al capitolo dei canonici di S. Pelagio a Bischofszell; il capitolo designō i baroni von Bürglen quali balivi. Nel tardo ME ne nacque la giurisdizione di M., come parte della signoria di Bürglen. La giurisdizione di M. fu acquisita nel 1576 dall'ospedale di San Gallo, la signoria nel 1579 dalla cittā di San Gallo (fino al 1798). Sul piano ecclesiastico il villaggio condivide da sempre le sorti della parrocchia di Sommeri. Giā nel IX sec. vi era probabilmente un mulino. L'attivitā molitoria cessō attorno al 1900 in seguito al passaggio dalla cerealicoltura all'allevamento e all'economia lattiera, e all'avvio della produzione di formaggio. Menz. nel 1512, i bagni appartenevano al capitolo di S. Pelagio, che li diede in feudo a Bürglen; quale feudo ereditario furono detenuti dalla fam. Straub dal 1745 al 1816. Nel 2002 nel com. fu aperto un Museo della scuola.


Bibliografia
– E. Leisi, Geschichte von Amriswil und Umgebung, 1957
– AA.VV., Amriswil, 1999

Autrice/Autore: Erich Trösch / cmu