• <b>Solduno</b><br>Boccale in vetro blu, rinvenuto in una tomba a inumazione nella necropoli romana di Locarno-Solduno (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona).
  • <b>Solduno</b><br>Brocca in vetro incolore con riflessi azzurri, rinvenuta in una tomba a inumazione nella necropoli romana di Locarno-Solduno (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona).

Solduno

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Ex. com. TI, distr. Locarno, dal 1928 parte del com. di Locarno; (1309: Soldunum). Situato tra la località di Passetto e Ponte Brolla, compresa la zona chiamata Vattagne, all'inizio del XXI sec. S. era un quartiere della città di Locarno posto tra le falde del monte Brè e il fiume Maggia, lungo la strada cant. La sua struttura originaria di villaggio era ancora riconoscibile alla fine degli anni 1950-60. Dopo la fusione con Locarno S. ha mantenuto un proprio patriziato. Pop: 60 fuochi con 202 ab. nel 1591, 301 ab. nel 1800, 268 nel 1850, 378 nel 1900, 549 nel 1920. Scavi archeologici eseguiti tra il 1935 e il 1987 portarono alla luce 219 sepolture dell'età del Ferro (La Tène) e 62 dell'epoca romana; la continuità degli insediamenti tra il 280 a.C. e il III sec. d.C. corrisponde alla continuità rilevata tra la necropoli dell'età del Ferro e quella del periodo romano. Durante il ME le vicende di S. furono strettamente legate a quelle di Locarno; S. fece poi parte della comunità di Locarno e Ascona. Non si ha notizia di una vicinanza autonoma di S. prima di un arbitrato del 1316; i beni di S. risultano indivisi da quelli della corporazione dei Borghesi di Locarno. La chiesa di S. Giovanni Battista, consacrata nel 1385 e ricostruita negli anni 1778-89, è forse di fondazione più remota. Dipendeva come rettorato dalla parrocchia di Locarno; dal 1888 ha un proprio consiglio parrocchiale e nel 1991 è stata elevata a parrocchia. Le attività principali degli ab. di S. erano l'allevamento, la coltivazione e la macinazione del grano (mulini presso il fiume noti dal 1321), la viticoltura (vi erano torchi) e la pesca. All'inizio del XX sec. diversi operai impegnati nelle opere di arginatura del fiume Maggia (1891-1907) hanno stabilito il proprio domicilio a S., contribuendo a modificare l'originaria struttura sociale della pop.

<b>Solduno</b><br>Boccale in vetro blu, rinvenuto in una tomba a inumazione nella necropoli romana di Locarno-Solduno (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona).<BR/>
Boccale in vetro blu, rinvenuto in una tomba a inumazione nella necropoli romana di Locarno-Solduno (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona).
(...)
<b>Solduno</b><br>Brocca in vetro incolore con riflessi azzurri, rinvenuta in una tomba a inumazione nella necropoli romana di Locarno-Solduno (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona).<BR/>
Brocca in vetro incolore con riflessi azzurri, rinvenuta in una tomba a inumazione nella necropoli romana di Locarno-Solduno (Ufficio dei beni culturali, Servizio archeologia, Bellinzona).
(...)


Bibliografia
– A. Malè, Solduno, 1961
MAS TI, 1, 1972, 326-338
– P. Donati (a cura di), Locarno: La necropoli romana di Solduno, 1979 (19882)

Autrice/Autore: Rodolfo Huber