Brienz/Brinzauls

Ex comune GR, circolo Belfort, distretto Albula, dal 2015 forma con Alvaneu, Alvaschein, Mon, Stierva, Surava e Tiefencastel il comune di Albula/Alvra; (840 ca.: Brienzola; rom.: Brinzauls). Il territorio com. comprendeva il villaggio di B., situato su un terrazzo a nord del fiume Albula, e la frazione di Vazerol, sulla strada dello Julier. Pop: 111 ab. nel 1808, 191 nel 1850, 205 nel 1860, 146 nel 1888, 158 nel 1900, 186 nel 1941, 172 nel 1950, 95 nel 1980, 112 nel 1990, 117 nel 2000. Nel XII sec. il villaggio era un centro economico della diocesi di Coira. Fino al 1880 vi sorgevano i ruderi di una torre che probabilmente appartenne ai signori di B., attestati nel 1259. Fino al 1851 B. condivise le sorti politiche della signoria di Belfort. La chiesa, menz. verso l'840 e dedicata nel 1519 a S. Callisto, fu filiale di Lantsch/Lenz fino al 1526; Surava vi fece capo fino al 1725. Dal 1869 al 1883 B. e Surava furono unite politicamente. Oltre che di allevamento e agricoltura, B. e Lantsch/Lenz vivevano dei proventi dei dazi riscossi sulla strada dell'Albula. La strada per Davos fu costruita nel 1870-73; nel 1874 il villaggio fu distrutto da un incendio. Nonostante il decentramento delle fattorie cominciato negli anni '60, il settore primario resta predominante (43% dei posti di lavoro nel 1990). Gli ab. di lingua rom., praticamente il 100% della pop. nel 1860, erano scesi al 58% nel 1990.


Bibliografia
MAS GR, 2, 1937, 342-349
– K. Egli, Die Landschaft Belfort im mittleren Albulatal, 1978

Autrice/Autore: Jürg Simonett / vfe