03/10/2016 | segnalazione | PDF | stampare | 

Illens

Fortezza, signoria ed ex comune FR, dal 1972 parte del comune di Rossens, integrato nel 2016 nel nuovo comune di Gibloux; (antico nome ted: Illingen). Pop: 29 ab. nel 1850, 16 nel 1900, 15 nel 1950, 11 nel 1970. Fece parte della signoria di Arconciel finché Friburgo non acquistò e annesse definitivamente questo territorio in seguito alle guerre di Borgogna. Con i villaggi di Magnedens, Ecuvillens, Corpataux (riva destra della Sarina) e Treyvaux (riva sinistra) costituì un baliaggio amministrato da Friburgo come le Anciennes Terres. Granges d'I., l'antica tenuta agricola della fortezza (140 ettari), beneficiaria di uno statuto giur. particolare, fu eretta a com. autonomo nel 1845. Abitato da tre fam. al massimo, dal 1885 ebbe un'amministrazione congiunta con il vicino com. di Rossens. Nel 1915, durante la costruzione delle scuderie, furono scoperte le fondamenta della cappella romanica di S. Nicola, menz. nel 1441. Dapprima dipendente da Farvagny, nel 1876 fu eretta a parrocchia autonoma insieme a Rossens.

Le rovine della fortezza di I. sovrastano una parete rocciosa situata in un meandro del fiume, di fronte alla cittadella scomparsa di Arconciel che difendeva l'altra via d'accesso al guado (ponte?) sulla Sarina. I. è menz. come luogo in cui furono firmati alcuni atti giur. (ca. 1150-1276). Attorno al 1366 Peter von Aarberg, noto per i suoi atti di violenza, viveva ancora saltuariamente nella fortezza. Dopo il 1470 Guillaume de la Baume, ciambellano di Carlo il Temerario, fece costruire un palazzo elegante e confortevole (dotato di camini e servizi igienici), attaccato dalle truppe bernesi e friburghesi ancora prima che fosse completato nella fase precedente alle guerre di Borgogna (3.1.1475). Sommariamente coperto e ampliato, attorno al 1900 ospitò una comunità di monaci trappisti.


Bibliografia
– R. Flückiger Mittelalterliche Gründungsstädte zwischen Freiburg und Greyerz, 1984, 23-49
– J.-P. Anderegg, Une histoire du paysage fribourgeois, 2002, 236 sg.

Autrice/Autore: François Guex / rza