17/03/2008 | segnalazione | PDF | stampare | 

Frutigen (comune)

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da immagini. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Com. BE, distr. F.; (1234: Frutingen). Esteso com. delle valli della Kander e della Engstlige, situato tra la catena del Niesen e il Gehrihorn, comprende i villaggi di F., Kanderbrück, Hasli, Innerschwandi, Ladholz, Oberfeld-Prasten, Reinisch e Winklen, oltre a piccole frazioni e singole fattorie sul fondovalle e sulle pendici fino a 1600 m. Pop: 1935 nel 1764, 3480 nel 1850, 3996 nel 1900, 5643 nel 1950, 6661 nel 2000.

Singoli reperti archeologici sono venuti alla luce in località Zinsmaadegg (età del Bronzo), Helken e Ried (età imprecisata) e Rybrugg (forse epoca romana). Rovine di fortificazioni medievali sono localizzate a Halten (non attestata nelle fonti), a Tellenburg e a Bürg (torre adibita ad abitazione). La pop. della valle risulta riunita in comunità e firmataria di documenti (tota universitas; universitas et communitas hominum vallis de F.) già nel 1260. Questa comunità locale si dotò di un proprio sigillo nel 1263 e firmò una pace separata con l'Obersimmental nel 1340; nel 1400 pagò la somma del passaggio della signoria di F. a Berna, liberando così la pop. della valle dai tributi e dalle altre prestazioni signorili (carta di franchigia del 1445). Già in precedenza, comunque, la dissennata politica dei propri signori, fortemente indebitati, aveva spinto la pop. di F. a chiedere la protezione di Berna. Nel 1367, si contavano a F. più di 200 borghesi esterni di Berna. Nel 1391 i valligiani ottennero il tribunale di bassa giustizia (Fronhofstattgericht), alla cui testa vi era l'alfiere, la più alta carica locale e luogotenente del castellano (balivo). Il tribunale si riuniva nel Landhaus (asilo, taverna). F. possedeva un proprio vessillo; la sua legislazione, codificata a più riprese fra il XV e il XVIII sec., ebbe il valore di diritto territoriale fino al 1854. La prima chiesa menz. (1228), dedicata a S. Quirino, è uno dei dodici edifici religiosi della zona del lago di Thun che compaiono nella Strättliger Chronik di Eulogius Kiburger (metà XV sec.); la costruzione più antica - dell'VIII o IX sec. - sorse su tombe anteriori (VII-VIII sec.); edifici più tardivi sorsero nell'XI-XII sec. e nel 1421. La chiesa attuale fu eretta nel 1727 dopo un incendio che colpì il villaggio. Nel 1395 il diritto di patronato era stato donato dalla comunità di valle alla prepositura di Interlaken (incorporazione nel 1410). Come il resto dell'Oberland, anche F. si oppose inizialmente alla Riforma, imposta da Berna nel 1528, ma dovette aderirvi a conclusione del sollevamento di Interlaken (novembre dello stesso anno). Dalla grande parrocchia si separarono dapprima Adelboden (1439), poi Kandergrund (1840) e Kandersteg (1860). Nel 1939 fu costruita la chiesa montana di Achseten. La parrocchia di F. include oggi anche Schwandi e Wengi, due località del com. di Reichenbach.

Dalla Preistoria i passi della Gemmi e del Lötschen collegano la regione con il Vallese. A Kanderbrück esiste ancora l'antica sosta, una costruzione del XVI sec. con elementi medievali. Nel XVI sec. l'economia di sussistenza fece posto all'allevamento del bestiame (fondovalle, maggenghi ed alpeggi) a fini commerciali e all'importazione di cereali dalla pianura. Nel 1367 è menz. per la prima volta il Frutigmarkt nel villaggio di F., dove giungevano gli acquirenti di bestiame della pianura e del Vallese. Nel Sackgraben vi sono ancora vestigia di gallerie delle miniere di rame del tardo ME. Fonti di reddito supplementari erano i giacimenti di ardesia (catena del Niesen), di pietra ollare (Gehrihorn) e carbon fossile (Horn), fino al 1850 la produzione del cosiddetto Frutigtuch, un tessuto di lana blu, in seguito la fabbricazione di merletti a fuselli e l'orologieria. Nel 1850 sorse la prima di numerose fabbriche di fiammiferi, nel 1883 la fabbrica di pesi per pendole e nel 1898 la fabbrica di lavagne. Il miglioramento delle vie di comunicazione (collegamento postale F.-Thun nel 1814, linea ferroviaria Spiez-F. nel 1901, BLS con trasbordo di autoveicoli nel 1913, autopostale per Adelboden nel 1917) aprì F. allo sviluppo turistico (attualmente soprattutto estivo) e all'industrializzazione. Oggi sono attive sul territorio com. fabbriche di macchine e apparecchi elettrici, ditte edili, cave di ghiaia e numerose imprese artigianali (lavorazione del legno ecc.). Gli agricoltori si sono specializzati nell'allevamento e nella produzione lattiera; è praticata pure l'economia forestale. Rimboschimenti e ripari artificiali assicurano la protezione del villaggio da valanghe e alluvioni. F. è sede delle autorità distr., delle scuole secondarie (dal 1865), delle scuole professionali e dell'ospedale distr. (dal 1906). La chiesa catt. (del 1959) serve una parrocchia i cui confini corrispondono a quelli della giurisdizione ecclesiastica medievale. Nel 1947 è stata centralizzata a F. la scuola elementare, prima distribuita in 14 sedi autonome.


Bibliografia
– K. J. Aellig, Die wirtschaftlichen Verhältnisse im Frutigland unter besonderer Berücksichtigung des Fremdenverkehrs, 1957
– AA. VV., Das Frutigbuch, 1977
– A. A. Häsler, Berner Oberland, 1986
– P. Bierbrauer, Freiheit und Gemeinde im Berner Oberland, 1300-1700, 1991
– B. Müller, Bauinventar der Gemeinde Frutigen, 1997

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / ato