Emmishofen

Ex Munizipalgemeinde e Ortsgemeinde TG, dal 1928 com. Kreuzlingen, distr. Kreuzlingen; (1159: Eminshoven). Il com. si trova sulla strada principale Costanza-Frauenfeld, alle pendici settentrionali della dorsale collinosa che corre lungo il lago. Pop: 695 ab. nel 1850, 1153 nel 1880, 1558 nel 1900, 1646 nel 1920. Nell'alto ME la località, situata sulla via di pellegrinaggio per Santiago di Compostella, apparteneva alla parrocchia vescovile di Costanza (Bischofshöri); dal 1500 fece parte delle cosiddette alte giurisdizioni, sottoposte direttamente al balivo della Turgovia. Intorno al 1700 la bassa giurisdizione di E. divenne un subfeudo dei von Reding, fam. di cancellieri nelle cui mani rimase fino al 1798. Sul piano religioso, in origine E. faceva parte, assieme a Bernrain, della parrocchia di S. Stefano di Costanza; dopo l'adesione di quest'ultima alla Riforma, E. tornò al cattolicesimo (1548). La parrocchia catt. si sviluppò progressivamente nel corso del XIX sec. sui territori appartenenti a S. Stefano e situati nella Conf.: alla soppressione del capitolo di S. Stefano (1803) seguirono prima lo scioglimento del rapporto di filiazione (1818) e poi la fondazione della nuova parrocchia (1831), cui fu assegnato anche il territorio della comunità evangelica di Alterswilen (senza Altishausen). Dal 1831 al 1903 la cappella di Bernrain servì da parrocchiale; la nuova chiesa catt. di S. Stefano risale al 1903, la parrocchia catt. di Kreuzlingen-E. al 1930. Nel 1816 la Ortsgemeinde di E. si separò dalla Munizipalgemeinde di Tägerwilen per formare una Munizipalgemeinde indipendente; nel 1870 la Ortsgemeinde e la Munizipalgemeinde, identiche quanto a territorio, si fusero nella Einheitsgemeinde di E., poi annessa al com. di Kreuzlingen (1928). Nel XIX sec. gli ab. erano dediti soprattutto a campicoltura e viticoltura; prime industrie ad aprire i battenti furono la fabbrica di fuochi d'artificio (1840) e il laminatoio di Robert Viktor Neher, specializzato in fogli d'alluminio (1910).


Bibliografia
– F. X. C. Staiger, Emmishofen, 1876
Kreuzlinger Mosaik, 1991

Autrice/Autore: Verena Rothenbühler / vfe