Wipkingen

Ex com. ZH, distr. Zurigo, dal 1893 incorporato nella città di Zurigo; (881: Wibichinga). Pop: 28 fuochi nel 1467, 204 ab. nel 1637, 512 nel 1771, 887 nel 1850, 2391 nel 1888, 4512 nel 1900, 21'978 nel 1950, 19'542 nel 1970, 15'700 nel 2010.

Il villaggio era costituito da case allineate lungo la strada Zurigo-Höngg e da un nucleo intorno alla chiesa sulla Limmat. Poco dopo l'881 W. fu donato dall'imperatore Carlo III all'abbazia zurighese del Fraumünster; la corte (Kelnhof) dell'abbazia, attestata nel 1247 e 1301, fu distrutta da un incendio nel 1895. Secondo gli statuti del XIV sec., un avogadro giudicava al posto della badessa su omicidi, furti e altri delitti gravi. All'inizio del XV sec. il baliaggio di W. era nelle mani di cittadini zurighesi; dal 1439 i balivi furono nominati dalla città di Zurigo. Dopo la secolarizzazione del Fraumünster nel 1524-26 la città si accaparrò i diritti signorili su W. Nel 1637 assegnò il com. al baliaggio (Obervogtei) delle Vier Wachten. Sul piano ecclesiastico W. apparteneva alla parrocchia del Grossmünster risp., dal 1614, al com. parrocchiale sorto attorno all'antica chiesa dei domenicani, e disponeva di una cappella filiale (menz. nel 1270, profanata nel 1523 in seguito a episodi di iconoclastia, ripristinata assieme al cimitero nel 1601). L'istituzione della comunità parrocchiale rif. risale al 1865, la chiesa rif. al 1909. La fondazione della parrocchia del Buon Pastore e la costruzione della chiesa catt. datano del 1923. In base ai censimenti del 1836 (cant.) e del 1850 (fed.), la pop. di W. era composta da agricoltori e operai del servizio merci e da un numero altrettanto elevato di piccoli artigiani e operai di fabbrica. Nel 1782 Hans Jakob Hofmeister aprì una stamperia di indiane, attiva fino al 1867; in seguito gli edifici ospitarono la scuola di tessitura della seta. La centrale idrica del Letten, realizzata dalla città nel 1879, produsse elettricità dal 1892. L'impresa De Trey Brothers (forniture per dentisti) si stabilì a W. nel 1910 e rimase in attività, con diversi cambi di proprietà, fino al 1976. Il traghetto, che dal 1844 collegava W. alla zona industriale Aussersihl sull'altra riva del fiume, fu sostituito da un ponte nel 1872. A W. si stabilirono quindi spec. persone appartenenti alle classi popolari; il gettito fiscale pro capite risultava inferiore a quello di tutti gli altri com. della cintura urbana. Di fronte alla forte crescita, W. non riuscì a sostenere il carico di nuove infrastrutture e perciò nel 1891 appoggiò l'incorporazione nella città di Zurigo (88% di voti favorevoli). La stazione del Letten, sulla linea ferroviaria che costeggiava la riva destra del lago, fu in funzione dal 1894 al 1989. Le linee tranviarie private verso Zurigo e Höngg, aperte nel 1898, vennero municipalizzate nel 1902 risp. 1923. Il primo collegamento con autobus verso il centro città risale al 1927, la stazione di W. sulla linea ferroviaria Zurigo-Winterthur al 1932. Nel periodo 1898-1926, la cooperativa edilizia Westheim, creata da esponenti delle arti e mestieri con intenti speculativi, costruì il quartiere Landenberg, composto essenzialmente da complessi residenziali di sei piani con esigui cortili interni. Dal 1918 al 1994, 36 cooperative edilizie parteciparono alla costruzione di alloggi com. e sovvenzionati. Nel 1933 il nucleo di W. venne demolito per consentire la rettificazione della Rosengartenstrasse, dove, negli anni 1965-82, sorse la tangenziale ovest, probabilmente l'asse stradale zurighese fonte delle maggiori emissioni inquinanti.


Bibliografia
Hundert Jahre Gross-Zürich, cat. mostra Zurigo, 1993, 156-167
– U. Jakob, D. Kurz, Wipkingen, 1993
– M. Bürlimann, K. Gammeter, Wipkingen, 2006
Baukultur in Zürich, 7, 2009, 73-112
MAS ZH, n. s., 5, 2012, 418-430

Autrice/Autore: Martin Illi / sma