Töss (comune)

Ex com. ZH, distr. Winterthur, dal 1922 quartiere (Kreis) della città di Winterthur; (1233: iuxta pontem Tusce; 1243: Thoesse). Situato lungo il fiume omonimo sulla strada principale tra Winterthur e Zurigo, comprende la frazione di Dättnau e la tenuta di Rossberg. Pop: 363 ab. nel 1634, 637 nel 1768, 851 nel 1817, 1732 nel 1850, 4923 nel 1900, 6185 nel 1950, 8761 nel 2000.

Sono stati rinvenuti reperti del Neolitico sul Rossberg e una tomba risalente al II/I sec. a.C. nel quartiere di Nägelsee. Fino alla Riforma la storia del villaggio fu determinata dal convento di domenicane, fondato dal conte Hartmann IV von Kyburg (1233), situato vicino al ponte. A T. aveva sede un tribunale. Nel 1452 i diritti signorili passarono alla città di Zurigo insieme alla contea di Kyburg. Durante la guerra dei contadini (1525) T. fu teatro di una rivolta da parte della pop. rurale della contea. Dal 1525 al 1798 un funzionario di Zurigo residente a T. amministrò i beni del convento secolarizzato. Sul piano spirituale, dal ME alla Riforma T. fece capo a Oberwinterthur. Dopo la soppressione del convento nel 1525, formò un com. parrocchiale autonomo con Dättnau e le tenute di Rossberg e Bläsihof. La chiesa conventuale servì da luogo di culto, sostituito nel 1855 da una nuova chiesa rif. La chiesa catt. di S. Giuseppe fu realizzata nel 1912-13. Nel 1528 T. acquistò dalla città di Zurigo la curtis di Dättnau, appartenuta al convento. T. si dotò di statuti (1536) e di una regolamentazione sull'accesso alla cittadinanza (1582). Per fornire più terre ai contadini, perlopiù poveri, dediti alla campicoltura e alla viticoltura, nel 1786 il com. acquistò anche la grande curtis conventuale. Nel XVIII sec. si diffuse il lavoro a domicilio per l'industria cotoniera di Winterthur. Durante le guerre di coalizione, T. fu più volte saccheggiato da truppe franc., austriache e russe (1798-1803). Nel XIX e XX sec. l'industria di Winterthur determinò le sorti di T. Nel 1825 Heinrich Rieter fondò la filanda a Niedertöss. La ditta Rieter acquistò i terreni (1833-34) e la chiesa (1854) del convento e vi impiantò la propria fabbrica di macchine. La Costituzione liberale del 1831 fu accettata con 198 voti favorevoli e uno solo contrario. Nel 1827 venne realizzato uno stabilimento che ospitava la scuola e l'amministrazione com. L'edificazione programmata dello Zelgli avvenne nel 1828. Una soc. operaia fu fondata nel 1865. Entro il 1900 ca. T. formò un agglomerato unico con Winterthur e divenne un sobborgo operaio. Alla nota colonia operaia Rieter (1865-70) seguirono fino al 1928 altri insediamenti simili (tra cui le case a schiera monofam. Bernoulli). Nel 1876 T. venne collegata alla linea ferroviaria Winterthur-Coblenza. In seguito alla fusione con Winterthur (1922) T. costituì il quartiere operaio della città. La ditta Rieter continuò a estendere la propria area industriale fino al 1970 ca. Il collegamento autostradale (1968), il nucleo con il grattacielo (dal 1970) e l'ampliamento della Zürcherstrasse segnarono l'aspetto dell'insediamento. I cambiamenti strutturali intervenuti dopo il 1990 richiesero misure per rivalorizzare il quartiere.


Bibliografia
– E. Stauber, Geschichte der Gemeinde Töss, 1925
– H. Kläui, Aus der Geschichte der Kirchgemeinde Töss, 1955
Winterthur-Töss, Stadtteil mit vielen Gesichtern, 2006

Autrice/Autore: Meinrad Suter / cmu