No 1

Tussaud, Marie

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

battesimo 7.12.1761 (Anna Maria Grosholtz) Strasburgo, morte 15.4.1850 Londra, catt., di Strasburgo. Figlia di Johann Joseph Grosholtz, mercenario, e di Anna Maria Walder. ∞ (1795) François T., di Mâcon (Borgogna). Dal 1763 al 1767 soggiornò probabilmente a Berna, dove sua madre sembra sia stata governante di Philippe Curtius. Nel 1767 entrambe seguirono Curtius a Parigi. Nell'atelier delle cere gestito con successo da quest'ultimo, T. imparò a modellare figure in cera. Dalla fine degli anni 1770-80 realizzò statue di personaggi eminenti e, durante la Rivoluzione franc., anche teste decapitate di illustri condannati a morte (tra cui Robespierre). Alla morte di Curtius (1794) ne ereditò il laboratorio. Dal 1802 attraversò l'Inghilterra, la Scozia e l'Irlanda mostrando le figure in cera in un'esposizione itinerante. Nel 1835 aprì a Londra il Museo delle cere, ancora esistente all'inizio del XXI sec. Nelle sue memorie, pubblicate nel 1838, T. dichiarò di essere nata a Berna, che sua madre era figlia di un parroco sviz. e che Curtius era suo zio e sviz. Solo studi recenti hanno dimostrato l'infondatezza di queste affermazioni.


Bibliografia
– G. Wittkop-Ménardeau, Madame Tussaud, 1973
– T. Ransom, Madame Tussaud, 2003
– K. Berridge, Waxing Mythical, 2006

Autrice/Autore: Christian Baertschi / mdi