No 3

Payot, René

nascita 11.8.1894 Monthey, morte 15.5.1970 Ginevra, rif., di Corcelles-près-Concise. Figlio di Pierre Albert, capostazione, e di Cécile Elise Béguin. ∞ (1924) Kathleen Jane MacCarty, figlia di Thomas. Studiò lettere all'Univ. di Ginevra. Dopo aver lavorato in un primo tempo presso il Courrier de Vevey (1912), fu attivo per tutta la sua carriera di giornalista e cronista presso il Journal de Genève: fu corrispondente dalla Germania (1918-20), corrispondente parlamentare da Berna (1920-33), caporedattore (1933-42) e in seguito caporedattore e direttore generale (1943-49). Tra il 1941 e il 1944 tenne un programma settimanale di cronaca radiofonica alla Radio della Svizzera romanda, corrispettivo svizzerofranc. della trasmissione Weltchronik di Jean Rudolf von Salis. Fu vicepres. dell'Agenzia telegrafica sviz. (1944-68).

Liberal-conservatore e uomo d'ordine, fu un brillante giornalista. Dal 1933, con il direttore Jean Martin, impresse una netta svolta a destra al Journal de Genève. Quale nuovo caporedattore, si mise in luce per l'acceso anticomunismo, la marcata simpatia per Benito Mussolini e Francisco Franco, la diffidenza nei confronti della Germania nazista, le cui violenze lo ripugnavano, l'antisemitismo "ragionevole" e la difesa del federalismo e della democrazia sviz. Inizialmente favorevole al regime di Vichy, dal dicembre del 1942 appoggiò il generale Charles de Gaulle. La sua cronaca radiofonica ebbe un ampio pubblico durante la guerra; le sue relazioni basate sui fatti alimentarono le speranze di numerosi ascoltatori franc. e belgi, molti dei quali alla fine della guerra lo considerarono un esponente della Resistenza. Negli anni 1990-2000 il mito ha lasciato posto a un'analisi più articolata del personaggio. Nel 1982 le radio pubbliche francofone istituirono una borsa a suo nome, destinata a sostenere i giovani giornalisti. Fu insignito dei titoli di ufficiale (1946), poi commendatore (1958) della Legion d'onore.


Archivi
– Fondo presso Archivio dell'Univ. di Ginevra
Bibliografia
– M. Caillat, R. Payot, 1998
– J. de Senarclens (a cura di), Un journal témoin de son temps, 1999
– AA. VV., "La province n'est plus la province": les relations culturelles franco-suisses à l'épreuve de la Seconde Guerre mondiale (1935-1950), 2003

Autrice/Autore: Alain Clavien / frm