Federazione svizzera dei lavoratori del commercio dei trasporti e dell'alimentazione (FCTA)

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

L'acronimo FCTA designava dal 1982 la Federazione sviz. dei lavoratori del commercio, dei trasporti e dell'alimentazione, nata nel 1915 dalla fusione della Federazione dei lavoratori dell'alimentazione con la Federazione dei lavoratori del commercio e dei trasporti. La Federazione dei lavoratori dell'alimentazione, in cui nel 1904 si erano unite le ass. di categoria dei mugnai (fondata nel 1889), dei lavoratori del tabacco (1890), dei bottai (1892), degli aiuto giardinieri (1893) e dei lavoratori delle birrerie (1895), allarg˛ ben presto la sua base accogliendo panettieri, macellai, lavoratori della fabbricazione di cioccolato e di altri settori. La Federazione dei lavoratori del commercio e dei trasporti nacque nel 1907-08 dalle ass. di mutuo soccorso dei carrettieri, create dalla fine del XIX sec. e comprese presto anche imballatori, magazzinieri, fattorini, autisti, impiegati di commercio e venditori. Dal 1915 al 1920 il numero degli iscritti salý da 5452 a 19'492, scese a 11'217 nel 1924, risalý dal 1929 al 1933 a 23'358, fino a raggiungere le 41'247 unitÓ tra il 1942 e il 1947. Dopo un periodo di stagnazione (fino al 1964), si registr˛ un nuovo calo (30'252 nel 1974). Nel 2003, in seguito a un ulteriore decennio di stagnazione, il numero degli iscritti era sceso a 14'436. La quota delle donne raggiunse il suo massimo nel 1920 (39%) e in seguito si ridusse a ca. un quarto, nonostante la loro presenza nei settori organizzati dal sindacato (vendita e settore alberghiero) fosse superiore alla media.

A causa della struttura fortemente eterogenea del settore e del basso grado organizzativo, il Sindacato e i suoi precursori rimasero sempre relativamente deboli; giÓ nel XIX sec. gli scioperi furono organizzati raramente e con scarsi risultati. Uno dei mezzi di lotta della Federazione nei conflitti di lavoro fu il boicottaggio, utilizzato per esempio nel 1896 e nel 1910 contro le birrerie. I primi accordi tariffari, basati sulla tradizione dell'org. per mestieri, furono realizzati a partire dalla fine del XIX sec. Nel 1911 si contavano 56 contratti collettivi di lavoro, che salirono a 101 nel 1923 e a 165 nel 1938 (ca. 25'000 interessati). Questo genere di accordi ebbe un grande successo dopo la seconda guerra mondiale (ca. 450 contratti collettivi negli anni 1960-70). La FCTA Ŕ stata in concorrenza in diversi settori con altre org. di operai e di impiegati, come la Soc. sviz. degli impiegati di commercio o, tra il 1996 e il 2004, l'unia, il sindacato del terziario fondato dal Sindacato edilizia e industria e dal Sindacato dell'industria, della costruzione e dei servizi. Il 15.10.2004 l'ultimo congresso della FCTA ha deciso di rinunciare alla propria indipendenza e di aderire a Unia, il nuovo grande sindacato fondato il giorno successivo.


Archivi
– Sozarch
Bibliografia
– J. MŘller, Verband der Handels-, Transport- und Lebensmittelarbeiter der Schweiz, 3 voll., 1951-1963
– Gruner, Arbeiterschaft, 2
– R. Fluder et al., Gewerkschaften und Angestelltenverbńnde in der schweizerischen Privatwirtschaft, 1991
100 Jahre VHTL 1904 bis 2004, 2004

Autrice/Autore: Bernard Degen / sma