14/05/2004 | segnalazione | PDF | stampare

Fahy

Com. JU, distr. Porrentruy, situato sulla strada di Montbéliard nei pressi della frontiera con la Francia; (1177: Fahyl; 1438: Fahyt). Il nucleo del villaggio è formato da diversi gruppi di case alte, tipiche della zona. Pop: 390 ab. nel 1809, 549 nel 1850, 492 nel 1900, 524 nel 1950, 386 nel 2000. Una cappella è menz. nel 1177 tra i possedimenti del priorato di Lanthenans (Franca Contea). Nel 1477 il principe vescovo di Basilea rafforzò i suoi diritti sul villaggio, andato quasi completamente distrutto durante le guerre di Borgogna. La chiesa di S. Pietro venne costruita nel 1787-88 secondo i piani approntati dall'architetto Pierre François Paris. Dapprima unita a Grandfontaine, F. divenne parrocchia indipendente nel 1802. Il com. fece parte della giurisdizione (mairie) di Bure e del principato vescovile di Basilea fino alla fine dell'ancien régime. Com. franc. dal 1793 (Dip. del Mont-Terrible, poi dell'Haut-Rhin), bernese dal 1815 al 1978, F. ha adottato lo statuto di commune mixte nel 1836. Il villaggio, rimasto essenzialmente agricolo fino al 1950 ca., ha conosciuto in seguito una modesta industrializzazione: a F. entravano in Svizzera le automobili Peugeot che vi ricevevano gli ultimi componenti.


Bibliografia
– L. Vautrey, Notices historiques sur les villes et les villages du Jura bernois, 1, 1863, 388-400 (rist. 1979)
Le canton du Jura de A à Z, 1991, 113

Autrice/Autore: Dominique Prongué / czu