Courgenay

Com. JU, distr. Porrentruy; (1139: Corgennart). Comprende C. e la frazione di Courtemautruy, mentre le località di Courtemblin e di Courtari sono state abbandonate prima o durante la guerra dei Trent'anni. Pop: 739 ab. nel 1770, 823 nel 1818, 1098 nel 1850, 1568 nel 1900, 1511 nel 1950, 2088 nel 1990, 2062 nel 2000. Sono stati rinvenuti il monolito della Pierre Percée (3000 a.C. ca.) e una villa romana parzialmente esplorata nel XIX sec. in località La Condemène. Nel 1139 il capitolo di Saint-Ursanne era proprietario di una terra a C. Anche l'abbazia di Lucelle vi deteneva vaste proprietà (fra cui un granaio a Courtemautruy) e, dal 1254, i diritti di patronato della chiesa. Alla fine del XIII sec. C., che fino ad allora aveva fatto capo alla contea di Ferrette, venne annesso all'avogadria dell'Ajoie, integrata al principato vescovile di Basilea. Il villaggio fece parte della grande giurisdizione (mairie) di Alle fino al 1792, dei Dip. franc. del Mont-Terrible e dell'Haut-Rhin (1793-1814), del baliaggio, poi distr. bernese di Porrentruy (1815-1978). Il com. fu particolarmente toccato dalla guerra dei Trent'anni e fu al centro della rivolta dei Pétignats (1730-40); uno dei capi dei contadini rivoltosi, Pierre Péquignat, era di C. Nel 1836 venne adottato lo statuto di commune mixte. La parrocchia, i cui diritti di collazione appartenevano all'abbazia di Lucelle, fece capo alla diocesi di Besançon fino al 1779, poi a quella di Basilea. La chiesa di Nostra Signora dell'Assunzione fu ricostruita nel 1761 e tra il 1854 e il 1856. Nel 1783 a Courtemautruy venne edificata una cappella dedicata a S. Eligio. Dalla sentenza del 1314 al giudizio definitivo del 1865, C. e il vicino com. di Alle si contesero l'usufrutto della foresta detta Montagne d'Alle, situata sul territorio di C. Nel 1877 l'avvento della ferrovia favorì l'industrializzazione del villaggio (orologeria, maglieria, sigari). Nel 1983 è stata inaugurata una zona industriale intercom. (tecnica di precisione, meccanica, microtecnica). Nel 1985 è stata eseguita la ricomposizione parcellare. Dalla prima guerra mondiale C. è conosciuto in tutta la Svizzera grazie alla "piccola Gilberte di C.".


Bibliografia
– L. Vautrey Notices historiques sur les villes et les villages du Jura bernois, 1, 1863, 171-323 (rist. 1979)

Autrice/Autore: Dominique Prongué / czu