11/12/2008 | segnalazione | PDF | stampare | 

Montsevelier

Com. JU, distr. Delémont, villaggio della val Terbi situato in fondo a un vallone discosto; (1136: Muzivilir; antico nome ted.: Mutzwil). Pop: 325 ab. nel 1818, 414 nel 1850, 463 nel 1870, 384 nel 1900, 455 nel 1950, 556 nel 1980, 503 nel 2000. Sono state rinvenute vestigia di un laboratorio burgundo di ceramica (VII sec.) nella località di La Chèvre. Tra il XIII e il XV sec. esisteva una fam. nobile de M. Quale giurisdizione (mairie) della signoria di Delémont nel principato vescovile di Basilea, inglobata nella prepositura di Moutier-Grandval a cui si estendeva la neutralità sviz., M. si sottrasse all'occupazione franc. del 1792-97 - da cui il mito della "Repubblica indipendente di M." - prima di essere integrata, con il resto del principato vescovile, nei Dip. del Mont-Terrible e dell'Haut-Rhin (1797-1813) e poi nel cant. Berna (baliaggio, in seguito distr. di Delémont, 1815-1978). Dal 1853 costituisce una commune mixte. Parrocchia autonoma (il primo parroco è menz. nel 1321) fino al 1771 e poi di nuovo dal 1935, fece capo a Mervelier dal 1874 al 1935. La chiesa di S. Giorgio fu ricostruita in stile eclettico nel 1900-01. Villaggio rurale, M. ha conosciuto un relativo sviluppo industriale dal decennio 1960-70 (macchine utensili, rifinitura, lucidatura e tornitura). Nel 2000 il settore secondario offriva quasi la metà dei posti di lavoro.


Bibliografia
– L. Vautrey, Notices historiques sur les villes et les villages du Jura bernois, 5, 1881, 311-347 (rist. 1979)
– B. Prongué, Bicentenaire de l'Indépendance de la République de Montsevelier, 1992

Autrice/Autore: François Kohler / frm