09/12/2005 | segnalazione | PDF | stampare

Glovelier

Com. JU, distr. Delémont; (1139: Lolenviler). È situato all'estremità occidentale della valle di Delémont, all'intersezione delle antiche vie di comunicazione Porrentruy-Bienne, via Bellelay e Pierre-Pertuis, e Delémont-La Chaux-de-Fonds. Nei pressi di La Roche (880 m) si trova Sceut (1210: ad rupem de Zuc), crocevia di strade e frazione che costituisce una corporazione com. distinta. Pop: 481 ab. nel 1818, 537 nel 1850, 634 nel 1900, 898 nel 1950, 1122 nel 2000. A Les Viviers è depositata una collezione di ceramiche dell'età del Bronzo finale. A Bonabé, lungo il tracciato di una via romana, sono state rinvenute monete di quell'epoca. G. era uno dei 13 villaggi liberi della valle di Delémont, signoria del principato vescovile di Basilea. Già cit. nel XII sec., la parrocchia comprese il villaggio di Saulcy fino al 1802 e dal 1874 al 1935. La chiesa di S. Maurizio fu ricostruita nel 1923-24 perpendicolarmente all'edificio del 1690-91. I territori di G., commune mixte dal 1853, e di Saulcy vennero delimitati nel 1648. A G. si stabilirono un'importante segheria, che produceva traversine ferroviarie, e una fabbrica di componenti per l'orologeria e di prodotti in plastica. G. è dotato di una stazione sulla linea Delémont-Delle (FFS) ed è capolinea della linea che porta a La Chaux-de-Fonds (Ferrovie giurassiane).


Bibliografia
– L. Vautrey, Notices historiques sur les villes et les villages du Jura bernois, 5, 1881, 291-310 (rist. 1979)
– B. Girard, Glovelier dans le miroir de son passé, 1984

Autrice/Autore: François Kohler / ddo