21/04/2005 | segnalazione | PDF | stampare

Collex-Bossy

Com. GE, situato sulla riva destra della Versoix, presso la frontiera franco-sviz. Comprende i villaggi di Collex e Bossy e, dal 1790 al 1855, Bellevue; (1258: Coliacum, Bocium). Pop: 740 ab. nel 1850, 509 nel 1860, 444 nel 1900, 512 nel 1950, 524 nel 1980, 952 nel 1990, 1279 nel 2000. La signoria della Bâtie-Beauregard, fondata nel 1270, inglobava C. e dipendeva dalla signoria di Gex; in seguito venne infeudata ai Compey, Menthon, Champion, Crose, Gillier e Vasserot. Comprendeva tre piazze fortificate: la Bâtie-Beauregard (La Bâtie), la fortezza di Collex e quella di Le Vengeron. Berna, che dal 1536 al 1567 occupò il Paese di Gex, annesse C. al baliaggio di Gex e nel 1547 elevò la signoria a baronia. Con il Paese di Gex, C. venne restituito alla Savoia, poi subì l'occupazione di Ginevra, infine passò nel 1601 alla Francia. Il com., creato nel 1790, fu ceduto dalla Francia a Ginevra nel 1815 (Communes réunies). La chiesa parrocchiale di Collex è menz. dal 1258 (S. Giorgio nel XV sec.); furono pure erette due cappelle, una a Colovrex (S. Eligio) e l'altra a Bossy. A C. venne introdotta la Riforma. Nel 1612 i rif. dovettero però restituire la chiesa al culto catt., e nel 1662 il tempio, costruito nel 1612, venne distrutto e il culto rif. proibito. La chiesa di S. Giorgio fu demolita nel 1859, mentre quella di S. Clemente, costruita tra il 1869 e il 1871, venne ceduta ai catt.-cristiani dal 1873 al 1896. Nonostante dal 1980 abbia sviluppato il suo aspetto residenziale, il com. ha mantenuto il suo carattere rurale. Alla fine del XX sec. la superficie agricola utile rappresentava il 60% ca. del territorio. Nel 2000 il settore primario offriva ancora il 25% degli impieghi e il 75% della pop. attiva lavorava fuori com.


Bibliografia
– H.-H. Borel, «La baronnie de la Bastie-Beauregard au Pays de Gex», in BHG, 7, 1941, 297-342
– A. Brulhart, E. Deuber-Pauli, Ville et canton de Genève, 1985, 388-392 (19932)
– E.-V. Gaillard, Histoire des Collésiens et des Bossiotes, 1985

Autrice/Autore: Jacques Barrelet / czu