No 14

Jost, Res

nascita 10.1.1918 Berna, morte 3.10.1990 Zurigo, rif., di Wynigen. Figlio di Wilhelm, insegnante di fisica, e di Hermine Spycher. ∞ (1949) Hilde Fleischer, fisica, di Vienna. Studiò fisica a Berlino e Zurigo, conseguendo il dottorato con Gregor Wentzel all'Univ. di Zurigo (1946). Più tardi trascorse sei mesi a Copenaghen presso Niels Bohr. In un importante studio sulla teoria della diffusione delle particelle introdusse una nuova funzione matematica nota in seguito come funzione di J. Fu poi assistente di Wolfgang Pauli al Politecnico fed. di Zurigo, dove contribuì agli straordinari progressi compiuti in quegli anni dall'elettrodinamica quantistica. Lavorò in seguito presso l'Institute for Advanced Study di Princeton (1949-55), dove furono elaborati ulteriori studi sulla teoria della diffusione delle particelle. Nominato professore straordinario al Politecnico fed. di Zurigo (1955), alla morte di Pauli ne divenne il successore (1959). Nelle sue lezioni si distinse per la precisione matematica e grazie a lui il Politecnico fed. assurse a centro di riferimento per la fisica matematica. Con i suoi studi sulla teoria dei campi quantistici del ventennio 1950-70 divenne uno dei massimi esperti di fisica matematica del XX sec.


Opere
Das Märchen vom Elfenbeinernen Turm: Reden und Aufsätze, a cura di K. Hepp et al., 1995 (con elenco delle op.)
Bibliografia
Physics Today, 45, 1992, 120 sg.
– A. Pais, The Genius of Science, 2000, 107-120

Autrice/Autore: Günter Scharf / sma