No 2

Näf, Christian

nascita 28.3.1742 ,morte 16.7.1820 San Gallo, rif., di Hemberg, dal 1798 di San Gallo. Figlio di Isaak. ∞ Susanna Frey. Nel 1776 introdusse la tessitura della mussola a Hemberg. Agiato commerciante tessile, si stabilì a Wattwil; si trasferì in seguito a San Gallo (probabilmente nel 1798). Nel 1801 divenne socio della prima filatura meccanizzata di cotone e prima soc. per azioni della Svizzera, che si insediò nei locali dismessi dell'ex convento di San Gallo. Promossa dal Direttorio commerciale di San Gallo, venne creata grazie alla mediazione del console sviz. a Bordeaux. I filatoi rimasero proprietà degli azionisti; N. possedeva uno dei 26 filatoi meccanici (mule jenny), con 204 fusi. L'impresa fu ben presto confrontata con gravi difficoltà, ma ebbe il merito di aver introdotto in Svizzera la filatura meccanica inglese. Nel 1803 N. fondò una filatura meccanica a Rapperswil (SG), presso il ruscello cittadino, per la quale importò macchine per un totale di 3600 fusi. Temendo di rimanere disoccupati, gli operai tessili della regione minacciarono più volte di distruggere la filatura meccanica; il Piccolo Consiglio di San Gallo adottò di conseguenza misure per proteggere la fabbrica. Nel 1810 N. è anche menz. come proprietario di una tintoria. Fu un pioniere della filatura meccanica del cotone in Svizzera, che si sviluppò dal 1806.


Bibliografia
– J. M. Hungerbühler, Industriegeschichtliches über die Landschaft Toggenburg, 1852, 68 sg., 79 sg.
– W. Bodmer, Die Entwicklung der schweizerischen Textilwirtschaft im Rahmen der übrigen Industrien und Wirtschaftszweige, 1960, 277
– E. Halter, 150 Jahre Spinnerei Braendlin, 1962
– B. Veyrassat, Négociants et fabricants dans l'industrie cotonnière suisse 1760-1840, 1982, 335, 338
– P. Dudzik, Innovation und Investition, 1987, 67

Autrice/Autore: Peter Müller / cne