No 2

Ney, Michel

nascita 10.1.1769 Sarrelouis (Sarre), morte 7.12.1815 Parigi, cittadino franc. Figlio di un bottaio. ∞ (1802) Aglaé Auguié. Nel 1802 fu nominato da Napoleone Bonaparte comandante dell'esercito franc. di intervento in Svizzera e poi ministro plenipotenziario presso il governo elvetico. La sua missione prevedeva il ristabilimento della pace e dell'ordine, il disarmo delle truppe federaliste e la restaurazione dell'autorità della Repubblica elvetica. Su sua ingiunzione il 26.10.1802 la Dieta fed. di Svitto annunciò la propria dissoluzione, ponendo fine al sollevamento federalista. Fino alla promulgazione dell'Atto di mediazione N. fu il reale detentore del potere civile e militare. In particolare gli fu affidato il compito di scegliere uomini capaci e moderati, rappresentanti tutti i partiti, da inviare alla Consulta a Parigi. Negoziò inoltre le condizioni esorbitanti della capitolazione militare e dell'alleanza vantaggiosa per la Francia che la Dieta fed. fu costretta a firmare nel 1803. Richiamato a Parigi alla fine di quell'anno, fu sostituito da Honoré Vial. Fu al suo ritorno dalla Svizzera che N. conobbe Antoine Henri Jomini, al quale legò la sua carriera per quasi dieci anni. Fu nominato maresciallo di Francia (1804), duca di Elchingen (1808) e principe della Moscova (1813). Schieratosi con Luigi XVIII nel 1814 sostenne Napoleone durante i Cento giorni e fu perciò condannato a morte e fucilato.


Fonti
EA Rep. 1803-1813
– E. Dunant, Les relations diplomatiques de la France et de la République Helvétique, 1901
Bibliografia
– F. Vischer, «Beiträge zur Geschichte der Mediation», in BZGA, 12, 1913, 72-128
– J. Tulard (a cura di), Dictionnaire Napoléon, 1989, 1236-1238

Autrice/Autore: Victor Monnier / frm