No 1

Daffner, Max

nascita 17.8.1814 Monaco, morte 17.9.1859 Ginevra, originario della Baviera, dal 1846 di Niederwil (SO) e, dal 1859, di Ginevra. Figlio di Max, ufficiale del genio, e di Johanna von Hofstetten, di Königsberg. ∞ 1) (1847) Maria von Hofstetten; 2) (1852) Augusta de Portugal, di Königsberg. Ingegnere. Dal 1842 fu professore supplente di matematica alla scuola magistrale di Soletta. Partecipò alla seconda spedizione dei Corpi franchi a Lucerna (1845); venne imprigionato, espulso dalla Svizzera e mandato in esilio a Monaco. Nel 1846 gli fu concessa la cittadinanza del cant. Soletta per meriti in ambito scolastico, e lo stesso anno cominciò ad insegnare nella scuola secondaria di Bätterkinden. Prese parte alla guerra del Sonderbund e fu corrispondente del Solothurner Blatt. Nel 1848 contribuì alla rivoluzione ted. in qualità di pubblicista. Dovette difendersi dall'accusa di comunismo. A Ginevra nel 1853, fu poi attivo in un ist. privato di Coppet, con il maestro e amico Phokion Heinrich Clias. Nel 1855 fondò una scuola di ginnastica a Ginevra. Fu un patriota di spirito repubblicano, un pioniere della ginnastica e scrisse opere di istruzione popolare.


Bibliografia
Schweizerische Turnzeitung, 2, 1859, 204 sg.
– J. Mösch, Die solothurnische Schule, 1, 1945, XXVIII sg.; 2, 1946, 8

Autrice/Autore: Albert Portmann-Tinguely / rtu