11/05/2004 | segnalazione | PDF | stampare | 

B˘le

Com. NE, distr. Boudry. Un tempo villaggio lungo la strada situato sul versante di una collina; (1346: Boule). Pop: 193 ab. nel 1750, 291 nel 1850, 525 nel 1900, 571 nel 1950, 1778 nel 2000. B. si trova lungo la strada romana di Vy d'Etraz, di cui Ŕ ancora visibile un tratto a ovest del villaggio. Una trentina di tombe merovinge a sud della chiesa documentano le antiche origini dell'insediamento. A seconda del loro rapporto di vassallaggio, gli ab. versavano i tributi al signore di Colombier (NE) o all'esattore di Boudry, che curava gli interessi del signore di NeuchÔtel. Sino al 1848, B. fece parte della castellania di Boudry. Nel ME il villaggio fu incluso nella grande parrocchia di Pontareuse; tra il 1531 e il 1535 fu luogo di residenza del pastore prot. della parrocchia. Dal 1639/44, i parrocchiani di B. e di Rochefort furono affidati a un diacono, cui fu conferito il titolo di ministro nel 1662. B. divent˛ parrocchia autonoma solo nel 1860.

Dal 1356 fino alla metÓ del XVIII sec. la comunitÓ amministr˛, congiuntamente ai vicini di Colombier e di Areuse, una foresta ricevuta in censo. Verso la fine del XVIII sec. ebbe inizio lo sfruttamento delle cave di marna circostanti. Tra il 1750 e il 1800 gran parte degli ab. fu attiva nelle fabbriche di indiane della bassa Areuse. Nel 1895 B., che dal 1859 faceva capo alla stazione di Colombier (linea NeuchÔtel-Yverdon), ottenne una propria fermata sulla linea NeuchÔtel-Pontarlier. Com. rurale, B. si Ŕ progressivamente trasformato, soprattutto a partire dal 1945, in una zona residenziale. Nel com., che ha un tasso d'industrializzazione basso, vi sono alcune imprese locali e depositi di merci, spesso situati fuori dall'abitato.


Bibliografia
MAS NE, 3, 1968, 340-346

Autrice/Autore: Germain Hausmann / ebo