Zeneggen

Com. VS, distr. Visp; (1283: Eccun; 1297: Zen eccon). Situato su un terrazzo a ovest sovrastante l'imbocco occidentale della valle di Visp, comprende il villaggio omonimo e diverse frazioni tra cui Eggen, Im Esch, Schulmatten, Sisetsch, Stadlen, Unterbiel, Widum e Winkelried. Pop: 170 ab. nel 1798, 160 nel 1802, 194 nel 1850, 228 nel 1900, 201 nel 1950, 235 nel 2000. A Kasteltschuggen è attestato un insediamento d'altura del Bronzo medio e a Sisetsch una necropoli della cultura di La Tène. Nel 1716 Z. formava un rettorato. Con il distacco dalla matrice di Visp divenne una parrocchia indipendente (1754). La nuova chiesa dell'Assunzione fu costruita nel 1879, la cappella dei SS. Ausiliatori sul Biel nella prima metà del XIX sec. I primi documenti riguardanti condutture per l'irrigazione (bisse dell'Augstbord) risalgono al 1343 e 1400, gli statuti com. (Bauernzunft) al 1586 e 1604. Fino agli inizi del XX sec. la campicoltura, l'allevamento e l'alpicoltura costituirono le principali fonti di reddito. Con l'ultimazione della carrozzabile Visp-Z. (1905) e i nuovi posti di lavoro offerti dalla fabbrica chimica Lonza a Visp (dal 1907), le piccole aziende agricole vennero gestite sempre più spesso a titolo accessorio. All'inizio del XXI sec. Z. era economicamente orientato verso Visp, centro della regione, e alla sua offerta nel settore dei servizi.


Bibliografia
– E. Jossen, Zeneggen, 2006

Autrice/Autore: Alois Grichting / vfe