21/02/2012 | segnalazione | PDF | stampare | 

Stalden (VS)

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Com. VS, distr. Visp; (1213: Morgi; 1224: Staldun). Situato alla diramazione del Mattertal e della valle di Saas, è formato dai tre ex com. di S. Dorfmark, Chinegga (dal 1805) e Niederrusen (dal 1817, oggi Neubrück). Pop: 232 ab. nel 1802, 291 nel 1850, 443 nel 1900, 870 nel 1950, 1149 nel 2000.

Otto bracciali del periodo di La Tène e il nome originario di Morgi fanno supporre una colonizzazione da parte dei Seduni nel primo millennio a.C.; gli altri toponimi alemanni indicano una germanizzazione nell'VIII-IX sec. Nel XIII sec. S. fu residenza di diverse fam. signorili detentrici di beni allodiali, che amministravano anche feudi di signori laici ed ecclesiastici, come testimonia tra l'altro la torre abitativa in pietra dei signori von Embda. Dopo che nel 1518, 1531 e 1589 furono emanate singole regolamentazioni per l'usufrutto delle acque e degli alpeggi, nel 1688 i tre com. concordarono degli statuti comuni (Bauernzunft). Prima del 1798 S., con Staldenried, Embd, Törbel e Grächen, costituiva un quartiere (Viertel) della decania di Visp e designava a turno funzionari della decania; inoltre annoverò tre gran balivi del Vallese. La cappella di Merjen è menz. la prima volta nel 1215. Chiesa filiale di Visp, nel 1535 S. venne eretta a parrocchia autonoma, da cui si staccarono poi Törbel (1686), Grächen (1750), Embd (1771), Staldenried (1869) ed Eisten (1892). Nel 1777 la chiesa parrocchiale di S. Michele venne quasi interamente ricostruita in stile tardobarocco; il campanile fu probabilmente realizzato trasformando una torre difensiva medievale. Com. dedito all'agricoltura e all'allevamento del bestiame, nel 1894 S. acquistò l'Alpe Pontimia nella valle di Zwischbergen. La stazione sulla linea della Ferrovia Visp-Zermatt fu inaugurata nel 1890, la stazione di partenza della funivia per Staldenried e Gspon nel 1951. Luogo di passaggio per Embd, Saas, Törbel e Zermatt, nel com. si contano numerosi ponti e opere d'ingegneria. Nel 2000 il 65% della pop. attiva lavorava fuori com., spec. a Visp e a Sankt Niklaus.


Bibliografia
– S. Noti, Zum Wandel des Dorf- und Kulturbildes von Stalden vom 14. bis 20. Jahrh., 1990

Autrice/Autore: Bernard Truffer / sor