Veysonnaz

Com. VS, distr. Sion; (ca. 1200: Veisona). Situato sulla sponda sinistra del Rodano, è il più piccolo com. del cant. (111 ettari) e comprende il villaggio e la stazione turistica di V. (a 1230-1300 m di altitudine), nonché la frazione di Beaupérier. Pop: 201 ab. nel 1850, 233 nel 1900, 371 nel 1950, 467 nel 2000. Signoria del vescovo di Sion nel 1264, amministrata da un ministeriale (métral), fece parte della decania di Sion dalla fine del XV sec. Il villaggio fu integrato nel distr. di Hérémence (1798), in seguito nella decania (1802), poi distr. (1848) di Sion. Sul piano spirituale V. si separò da Nendaz nel 1912 per costituire una parrocchia con i villaggi di Clèbes e Verrey (com. Nendaz). La realizzazione di una strada che collegava V. alla pianura (1930-34) permise di rompere l'isolamento del com. e segnò la fine dell'economia di sussistenza. Grazie alla costruzione degli impianti meccanici di risalita (dal 1961) e alla grande risonanza delle competizioni intern. di sci, il settore turistico (comprensorio Les Quatre Vallées, con Nendaz, Thyon, La Tsoumaz e Verbier) è divenuto il principale datore di lavoro.


Bibliografia
– C. Lathion, Veysonnaz, 1981
– J.-P. Glassey, Histoire paroissiale de Veysonnaz, Clèbes et Verrey, 2008

Autrice/Autore: Catherine Raemy-Berthod / frm